Bocciato il piano di dimensionamento scolastico

La Corte Costituzionale ha bocciato il dimensionamento scolastico varato dal governo Berlusconi lo scorso luglio che ha comportato la chiusura di più di mille scuole in Italia, tagli organici e l’aggregazione di istituti. Una misura che in quest’anno scolastico appena trascorso ha condizionato le scelte e la vita di studenti, docenti e professori. Ragazzi sono stati iscritti in scuole a decine di chilometri di distanza da quelle di due anni fa, professori costretti a perdere classi e alunni e cambiare del tutto istituti, a volte anche materia di insegnamento. Toscana, Emilia Romagna, Liguria, Umbria, Sicilia, Puglia e Basilicata hanno fatto ricorso alla Corte Costituzionale e i giudici hanno accolto la loro richiesta. Adesso sono a rischio tutti i piani provinciali e regionali approvati in conseguenza alla legge.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close