Tragedia nelle prove del rally di Santopadre

Tragico incidente stradale la scorsa notte a Santopadre, in provincia di Frosinone. Francesco Cascone, 26 anni di Sora e Vittorio Canestraro, 51enne di Arpino, residente a Fontechiari, sono morti a bordo della Renault Clio da rally su cui stavano effettuando alcune prove lungo il percorso che tra sabato e domenica doveva svolgersi il rally ma l’organizzazione ha subito sospeso l’evento.  Tragedia durante le prove per il rally. Due persone, il pilota e il suo navigatore, sono morte dopo che la loro auto, con cui stavano provando il tracciato della gara, è uscita fuori strada, ribaltandosi. L’incidente è avvenuto a Santopadre, in una zona campestre, nella via detta del tracciolino. Le vittime sono Francesco Cascone, 27 anni, di Sora, e Vittorio Canestraro, 52, di Fontechiari. Sul caso indagano i carabinieri di Sora. I due stavano gareggiando nell’ambito del rally di Santopadre, quando poco dopo mezzanotte di ieri sera, la loro Renault Clio, per cause ancora in fase di accertamento, è finita in un burrone facendo un volo di venti metri. La tragedia si è verificata in località Barbarossa in un punto ricco di tornanti e strapiombi. Francesco Cascone e Vittorio Canestraro sono morti dopo un volo di venti metri. I soccorsi sono scattati in pochi minuti, ma per vigili del fuoco, carabinieri e Protezione civile non è stato facile raggiungere la vettura in fiamme. Sono sicuramente morti sul colpo. Ma c’è un’ipotesi sulla quale stanno lavorando gli inquirenti: i due, stando alla dinamica dell’incidente e stando a quanto riferito dai soccorritori, si presume non indossassero il casco e le cinture. I corpi, infatti, sono stati trovati almeno venti metri lontano dall’abitacolo dell’auto. Elemento questo che fa presumere, ai primi rilievi, che fossero senza protezione. La Clio Renault ha preso prima il dosso dalla parte contraria per poi rimbalzare nel dirupo. Al vaglio degli inquirenti anche l’alta velocità o una possibile manovra errata. Francesco Cascone, di Sora, abitava nella località Le Compre, a pochi chilometri dal confine con l’Abruzzo. Il ragazzo, proveniente da una famiglia di muratori, faceva invece il meccanico e aveva, con il cognato, un’officina. Sia lui che Vittorio avevano una forte passione per i motori. I rally, in provincia di Frosinone hanno gia’ mietuto vittime in passato. Durante il rally di Alatri, a causa di una macchina uscita fuori strada, nel 2006, venne travolto e ucciso un ventiduenne di Frosinone. Nel 2005 a Roccasecca, sempre nell’ambito di un rally, a perdere la vita fu Cristian Pastore di Cassino, mentre durante il rally di Pico venne travolta e uccisa la compagna di un pilota che stava osservando l’esibizione lungo un tornante. Per la morte dei due piloti la Procura di Cassino ha aperto un fascicolo.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close