Le candidature fallaci di Di Pietro…

Il caso Maruccio pone un problema all’IDV. Base in rivolta sul web: troppi i casi di candidature sbagliate. Di Pietro cerca di gettare acqua sul fuoco e rilancia le primarie on line per la scelta dei candidati. Si comincia nel lontano 2004 con l’ex atleta Pietro Mennea che in men che non si dica poi passa a Forza Italia. Nel 2006 l’eclatante caso De Gregorio: finì in Senato con il vessillo dell’Idv, ma non impiegò che pochi mesi a passare nel centrodestra e altrettanti pochi mesi a finire in quel registro degli indagati ed in un giugno di quest’anno ha lasciato il carcere per i voti di benevolenza dei suoi colleghi senatori. Nell’ultima legislatura gli errori sono a iosa: a parte Domenico Scilipoti, oramai divenuto molto famoso (ma sarebbe meglio dire famigerato) ed Antonio Razzi che dai banchi dell’Idv alla Camera salvò il governo Berlusconi, la lista è lunga: Giuseppe Giulietti, Aurelio Salvatore Misiti, Pino Pisicchio, Giuseppe Astore, Giacinto Russo, tutti passati dall’Idv al gruppo misto,. In tutto alla Camera ha perso 7 deputati (su 22). Gli stessi del PD…ma su 206! A cui dobbiamo anche aggiungere due senatori (sui 14 iniziali) che hanno abbandonato il Partito, ma lì siamo nella media. Il caso Maruccio arriva pochi mesi dopo le accuse a Paolo Nanni, consigliere provinciale a Bologna, indagato per peculato. Insomma…qualche problemino c’è, inutile negarlo.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi