Frosinone, casse ASL in rosso, stipendi a rischio

La CIGL accusa la ASL di “Mancanza di liquidità gravissima che non era stata comunicata ai sindacati, ci sono soltanto 739 euro nelle casse della ASL: a questo punto non sono assicurati gli stipendi per il prossimo mese, non sono stati versati neppure i contributi del mese scorso. Ci sarà un giro di vite sui servizi”. La descrizione che ne viene fuori è drammatica: personale che manca, meno servizi, a rischio i contratti di lavoro di molti precari in scadenza. La realtà è che dei famosi miliardi di risparmio previsti dal piano Polverini non c’è tratta. La sanità continua ad essere una grossa vacca da spremere. I servizi e gli ospedali vengono chiusi ma le spese non diminuiscono. Andando sul sito della ASL, grazie alla legge sulla trasparenza, sfogliando i compensi, si nota come tutti i medici, sia di I che di II livello, percepiscano stipendi altissimi, che quasi sempre si avvicinano ai 100mila euro annui e molto spesso li superano. Vedere per credere, all seguente link.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close