Bersani a Firenze: L’Italia non può permettersi un Vietnam

Il segretario Pd con gli operai di Selex Elsag a Firenze. «Ripartire dal lavoro». Le primarie? «Guai se non le avessimo fatte». Su Monti: «Penso si possa arrivare alla scadenza normale della legislatura,che si possa fare una legge elettorale». Chiaro, però, che rispetto a qualche giorno fa la situazione è un pò cambiata. «Naturalmente siamo preoccupati perchè gli interlocutori possibili sono in uno scenario nuovo». «Monti con tutti i difetti che anche noi sottolineiamo a volte, sta cercando di aggiustare i cocci che hanno rotto altri»: Bersani a Firenze risponde anche a chi gli chiede se le parole pronunciate sabato da Silvio Berlusconi abbiano fatto peggio al centrodestra che non ai progressisti. «Io ragiono sempre a partire dall’Italia – ha proseguito il segretario – e non vedo mai scollegate le prospettive del mio partito dal Paese. Di populismo ne abbiamo già abbastanza, inutile portare di nuovo acqua e atteggiamenti assolutamente irrealisti».

 

Una Risposta a “Bersani a Firenze: L’Italia non può permettersi un Vietnam”

  1. mogol_gr

    Ott 30. 2012

    Vietnam Berlusconi toghe rosse maccartismo buonissima.

    Rispondi a questo commento

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi