P’ gliann’

Ritorna la letteratura fontanese. Questa volta vi proponiamo una poesia di Sergio Proia.

P’ GLIANN’

Uagliù, cagnatev le scarp, tugliet gliù saccut,
chiappat’v’ gliù cistr cchiù capput,
iam p’ gliann’ attèrra a gliù fuoss
addò l cierqu’ so’ cchiù ròss.
Uann gliù puorc è sicc,
c’ n’ uless ogn’i iorn nù sicchi’.
C’ purtam nu cantucci’de pan rusc’ cu’ lla frettata,
fra glium’ i gliustr’ chiudem la iurnata.
Massèra ci attòcca la menestra cu llù pan’ sott’,
ce magnam’ du faciuor vers l’ott’,
nu b’cchier d’ vin, du castagn’ mosci’e i apò,
Di’ s’e gli preia chi gli’ vò.

(Sergio Proia)

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi