La Provincia di Frosinone tra gli esempi dello sperpero del denaro pubblico nell’inchiesta de Il Fatto Quotidiano

Il Fatto quotidiano, tra gli esempi di sperpero pubblico, cita anche una scelta della Provincia di Frosinone nel 2011 (allora guidata da Iannarilli). Si legge nell’articolo di Tecce: “C’è il consulente pubblico che controlla il processo di qualità delle olive infornate a Potenza. L’osservatore che monitora i camosci in Abruzzo. Quello che spende migliaia di euro a Frosinone per fare una guida sul risparmio. Dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, dai Comuni alle Province, Carlo Tecce del Fatto Quotidiano ha individuato consulenze pubbliche costate allo Stato nel 2012 1,3 miliardi di euro. Soldi che potevano essere usati per coprire un terzo dell’Imu sulla prima casa e non un calendario di chef scandinavi e lezioni a tema rigorosamente pagati dal Comune di turno”.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi