La risposta di Mario Arcese alla risposta del Sindaco Pistilli sul divieto di accesso ai cani al Laghetto

Nell’ultimo Eko di Novembre abbiamo pubblicato, nella rubrica “Il sindaco risponde”, una domanda di Mario Arcese (membro del nostro direttivo) che chiedeva delucidazioni in merito al divieto di ingresso ai cani al parco del Lago Solfatara.  (Per consultare domanda e risposta, vai nella sezione Eko, su Eko Novembre, pagina 4). Non essendo soddisfatto della risposta ottenuta, Mario Arcese ha inoltrato una sua controrisposta alle osservazioni del sindaco, che pubblichiamo di seguito: “Signor Sindaco, ho motivo di ritenere che, avendo aderito di recente al P.D., hai fatto una scelta oculata riconoscendo che il confronto, la discussione e financo la condivisione sono il “sale” della democrazia. Ciò premesso, non nascondo che mi ha “sorpreso” il tuo “scetticismo” sulla decisione assunta dalla F.I.P.E. (Federazione Italiana Pubblici Esercizi – aderente alla Confcommercio Imprese), la quale, nell’ultima giornata dell’Assemblea della Host, tenutasi il 24.10.13 (la Host è la Fiera Internazionale Ospitalità Alberghiera) ha annunciato: ” Grandi notizie per gli amici a quattro zampe, che – dopo Hotels e spiagge – accompagnati dai loro proprietari e provvisti di guinzaglio e museruola, avranno libero accesso a ristoranti, bar, gastronomie, gelaterie e pubblici esercizi in genere.” Niente più cartelli di divieto, quindi, in linea con le ultime disposizioni europee cui l’Italia dovrà adeguarsi. In merito alle tue “perplessità,” debbo ritenere – trattandosi di una Federazione molto importante – che abbia  ben valutato la realtà prima di assumere la decisione prima detta, in quanto è certo consapevole che già in diverse nazioni dell’Europa  non ci sono restrizioni e/o divieti per gli amici a quattro zampe. A conferma di ciò posso darti personali assicurazioni in merito, in quanto nei viaggi e soggiorni fatti in Austria, Germania e Francia, la nostra cagnetta è stata sempre accolta sia negli alberghi come pure nei ristoranti e sui mezzi di trasporto pubblico. La stessa situazione si è ripetuta negli alberghi italiani e particolarmente quelli presenti nelle zone di villeggiatura. Necessaria ed opportuna è stata l’emissione della Ordinanza emessa con la quale si precrivevano gli obblighi di comportamento che devono tenere i cittadini proprietari di cani quando li portano fuori dalle loro abitazioni. E’ anche necessario,però, non limitarsi ad affiggere l’ordinanza lungo le vie, ma è opportuno far sì che  i vigili urbani si adoperino per far rispettare le disposizioni. Non c’è bisogno che tutti i giorni si dedichino a tale compito, è sufficiente, a mio modesto parere, che ogni tanto effettuino delle uscite e sanzionino gli inadempienti. Raccogliere le proteste di “qualche” mamma è più che giusto, ma a fronte di cinque o dieci cittadine che protestano, ce ne sarà un numero maggiore che ha una posizione diversa. A proposito, poi, della mancanza di”senso civico” che tu hai lamentato, sono portato ad escludere che questa qualifica possa essere addebitata alla maggioranza dei cittadini di Fontana Liri. Per raggiungere alcuni risultati è meglio prevenire che sanzionare.  A proposito delle mamme che hanno protestato, mi sono chiesto: non saranno per caso le stesse che consentono ai bambini di calpestare il manto erboso? Cordialmente. Mario Arcese”.

Una Risposta a “La risposta di Mario Arcese alla risposta del Sindaco Pistilli sul divieto di accesso ai cani al Laghetto”

  1. Alessio Bove

    Nov 27. 2013

    Spero solo che il “senso civico” delle persone che vorrebbero portare i cani nei luoghi pubblici non sia lo stesso di quelle che, in un paese in cui dopo 4 anni è stato istituito il porta a porta, approfittino delle ore notturne per caricare la macchina di sacchi e cassette di indifferenizata per scaricarli nel parcheggio del comune…

    Rispondi a questo commento

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close