Renzi e Berlusconi, intesa sulla legge elettorale che non piace alla minoranza PD

Renzi ha incontrato Berlusconi. L’ordine del giorno era l’intesa sulla legge elettorale. Berlusconi si è recato alla sede nazionale del PD. Dopo la giornata di ieri, condita da minacce e veti sia dalla minoranza del PD che dagli alleati del governo, sembra che vi sia una convergenza sull’accordo tra Renzi e Berlusconi anche del premier Letta e di Alfano. Le correzioni allo schema iniziale li convincono. Ieri il Cavaliere non ha posto la condizione dell’election day del 25 maggio e il modello spagnolo è stato  rivisto e corretto alla fiorentina. Sbarramento al 5 per cento di coalizione e non di partito (all’8 solo per i partiti che non entrano in coalizione) e premio di maggioranza per chi supera il 35-40%. Alfano e il suo mediatore Maurizio Lupi si convincono grazie a due decisive correzioni: la ripartizione nazionale dei seggi e le circoscrizioni più ampie. “Così diamo un anno di vita al governo e a maggio state certi che non si vota per le Politiche” garantisce il sindaco di Firenze al vicepremier. Anche Enrico Letta commenta soddisfatto l’esito dell’incontro. Ma la partita è appena iniziata. La minoranza del Pd prepara una fronda. “Non mi interessa, se contestano tiro dritto lo stesso” avverte il segretario.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi