DDL Senato, la Senatrice Maria Spilabotte scrive a Chiti

Dopo le strumentalizzazioni del Movimento Cinque Stelle e la possibile spaccatura all’interno del PD sulla proposta di riforma del Senato, la Senatrice Maria Spilabotte, una dei 22 senatori ad aver sottoscritto il testo di Chiti, scrive al collega. Di seguito il testo.

Caro Vannino,

con rammarico sono a comunicarti che intendo ritirare la mia disponibilità a sostenere il DDL sul Senato di cui tu sei primo firmatario, perchè ritengo che la proposta si stia prestando a preoccupanti strumentalizzazioni che rischiano anche di minare l’unità del Partito, con possibili ricadute negative anche sul governo.

Anche nel merito, l’evoluzione politica di questi ultimi giorni impone a noi tutti senatori una attenta riflessione sulla questione.

Avevo condiviso la necessità di sostenere un contributo nell’ambito di una normale dialettica parlamentare, per favorire un confronto tra le diverse proposte, sottoscrivendo il tuo disegno di legge che aveva tracce ampiamente condivisibili perché volte al superamento del bicameralismo, riducendo i costi della politica.

Sono altresì consapevole che ancora bisogna lavorare per perfezionare e rendere più convincente il ddl presentato dal governo ma, alla luce delle ultime assemblee dei senatori e soprattutto in considerazione dell’ultima direzione nazionale del Partito, ritengo la tua proposta non più sostenibile.

Infatti la direzione del PD ha varato i paletti fondanti del DDL ovvero i seguenti criteri guida: il Senato non sarà più eletto direttamente dai cittadini, non darà la fiducia al governo né approverà le leggi di bilancio e, infine, i senatori non riceveranno emolumenti.

Mi sento pertanto di condividere l’appello del capogruppo Zanda che ha chiesto che le proposte ed i contributi dovranno essere mossi dalla logica emendativa e non sostitutiva del testo del governo, per questo ritengo di dover ritirare la firma al DDL presentato.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close