Intervista al segretario di Circolo Gianpio Sarracco

bonafèsarraccoDal quotidiano “La Provincia” di oggi Sabato 9 Ottobre, riportiamo l’intervista rilasciata dal nostro segretario di Circolo Gianpio Sarracco. gianpiomariaLe elezioni amministrative si avvicinano ed un po’ tutti cercano di capire cosa farà il PD. Lei che è il segretario può dircelo? “Questa situazione di attesa che si sta generando rispetto alle nostre decisioni conferma quello che ho sempre sostenuto: il PD è centrale. Senza di noi non ci sono progetti credibili nè una proposta seria per Fontana Liri, perchè noi siamo l’unico Partito che può garantire quei legami politici in seno agli enti sovracomunali (Provincia, Regione, Governo) che oggi sono fondamentali per la crescita e lo sviluppo di un paese. Fontana Liri nella prima giunta Pistilli ha avuto così tanti ed importanti benefici dall’allora Giunta regionale di centrosinistra di Marrazzo, grazie ai due assessori del PD Astorre e De Angelis, che nei seguenti cinque anni ha potuto campare di rendita”. Però non ha risposto alla domanda…”Noi abbiamo da tempo iniziato un dialogo programmatico all’interno del Circolo: stiamo già studiando proposte per migliorare la viabilità e la sicurezza, la raccolta differenziata, favorire ed incentivare il commercio ma soprattutto individuare quei settori strategici per lo sviluppo del nostro paese. Prima i programmi e dopo i nomi, dunque”. In piazza si vocifera che vi sono già diverse compagini in campo. Che ne pensa? “Si sentono diverse ipotesi, secondo me molte delle quali completamente inesistenti, perchè non più ancorate alla realtà attuale. Oggi la politica è veloce, la fiducia dei cittadini va conquistata giorno dopo giorno e soprattutto la gente vuol capire il grado di affidabilità delle persone e delle proposte”. Come pensate di gestire il rapporto con il Sindaco Pistilli? “Credo che il Sindaco Giuseppe Pistilli, subito dopo le provinciali, debba relazionarsi con il nostro Circolo per capire la sua disponibilità in merito al terzo mandato e, qualora fosse intenzionato a concorrere, dovrà spiegare quali sono le linee guida e come vuol comporre la squadra. Pronti a discutere, per costruire un progetto insieme. Ma insieme, dove nessuno prevarica l’altro”. Si dice che molti all’interno del Circolo spingono per le primarie, ma lei non sembra essere molto favorevole a questa ipotesi. Questo corrisponde al vero? “Solamente chi ha paura del confronto può essere contrario alle primarie, che sono uno strumento di massima democrazia del nostro Partito poichè coinvolgono i cittadini nelle scelte. Tra l’altro dove sono state fatte sono state sempre sinonimo di vittoria. Ritengo però più produttivo avviare prima un percorso virtuoso incentrato sui programmi, in modo tale che qualora si decidesse per questa ipotesi le primarie rappresentino un confronto sulle idee e non una semplice e sterile conta dei voti dell’uno o dell’altro candidato. In quest’ottica il discorso sui programmi diventa fondamentale”.

gianpiomauro

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close