E se denunciassi?

denunciaChi denuncia la corruzione, un abuso o quant’altro dovrebbe essere encomiato per il suo coraggio, invece accade spesso, soprattutto in Italia, più delle volte, che gli apparati interessati si coalizzano e interagiscono in sinergia per mettere a tacere la denuncia. Tentano alla disumanizzazione intraprendendo un comportamento di insufficienza onde insabbiare e deviare e se non riescono arrivano all’emarginazione, alle ritorsioni, al mobbing, alle minacce. Un comportamento di stampo mafioso attutato non dalla mafia ma da persone dello Stato, per scoraggiare chiunque volesse intraprendere tali iniziative, accentuata da una politica di liberalismo volta ad infrangere le regole che col tempo ha fatto perdere il senso del dovere, dell’onore e della Patria. Nei paesi anglosassoni è stato da lungo tempo introdotto il “whistleblowing” (la parola viene dal termine “whistle”, che significa “fischietto” in inglese): chi assiste a comportamenti illeciti e li denuncia è protetto dalla Stato da qualunque ripercussione. In alcune legislazioni (come quella statunitense) il whistleblower è persino premiato con un riconoscimento economico anche importante: in fondo ha evitato una perdita di denaro molto maggiore denunciando il patto corrotto. In Italia, invece c’è ancora tanta strada da fare. Una buona notizia in questo senso viene dal web. In questi giorni, sulla scia dello scandalo Expo, ha visto la luce Expoleaks: una vera e propria piattaforma per il whistleblowing promossa da IRPI – Investigative Reporting Project Italy e da Wired Italia. Si tratta di uno strumento a disposizione di chi voglia e abbia il coraggio di raccontare in totale anonimato a dei giornalisti indipendenti eventuali illeciti di cui è venuto a conoscenza. In Italia, la legge 190/2012 per la prima volta introduce questa figura, ma c’è un unico articolo che spiega in che modo procedere e quali sono le garanzie per chi denuncia. Rompere il muro del silenzio è un dovere di tutti i cittadini. Essere tutelati per farlo è un diritto, per la salvaguardia dell’incolumità del bene comune.  (Domenico Grossi)

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close