Nè in piazza, nè alla Leopolda.

gianpioSono stato combattuto in questi giorni: Leopolda si, Leopolda no. Manifestazioni cgil si, manifestazioni cgil no. Alla fine, credo di aver fatto la scelta giusta. Stare a casa. Nè con l’una nè con l’altra ipotesi. Nessuna delle due ipotesi per me andava bene. Ero contrario alla proposta del Jobs act, almeno inizialmente. Ho cambiato parzialmente idea quando, trovandomi a parlare a Roma con un grosso imprenditore, quest’ultimo evidenziava come la nuova norma fosse peggiorativa delle precedenti, dal suo punto di vista. Ovvero: aumentava le tutele ai nuovi assunti, aboliva i contratti precari a progetto, introduceva il salario minimo e, soprattutto, rendeva il lavoro a tempo determinato più costoso di quello indeterminato. Questa è stata sempre una battaglia della sinistra, per cui ho cominciato a rivedere con un occhio diverso la proposta soprattutto dopo che, comunque, il governo ha annunciato di voler stralciare l’abolizione dell’art.18 senza giusta causa. Questa è una battaglia simbolica che non può essere messa in discussione e credo che, una volta eliminato questo aspetto, rende l’applicazione della legge proposta complessivamente uguale alla normativa attuale. Parto, culturalmente, da un’ipotesi: quando protesta la Cgil ha sempre ragione. Mi viene il dubbio, però, che stavolta neanche loro hanno capito dove è il vero problema. Si cerca in tutti i modi di curare gli effetti dei problemi e mai curarne la causa. Ritengo, però, che le cause di questa condizione economica e sociale precaria, nel senso letterale ed estensivo del termine, venga da lontano: dopo la morte di Enrico Berlinguer si sono gettate le basi per la “svalutazione del lavoro”. Ovvero si eliminò la “scala mobile” ed i poteri forti non trovarono più ostacoli davanti a sè. Questo è il dramma. La svalutazione del lavoro (e di conseguenza della persona). Bisogna oggi quindi ragionare con nuovi schemi e capire se la proposta del jobc act, complessivamente, peggiora o migliora questo aspetto nel suo complesso. Un’indagine di SWG ha evidenziato come il 60% degli under 30 non ha compreso la battaglia a difesa dell’articolo 18. E’ questo un dato su cui riflettere. Ed ancora: L’Espresso ha raccolto il parere delle aziende che il lavoro, nonostante la crisi, lo stanno creando davvero. Ne esce un quadro sorprendente, dove quasi nessuno è a favore dell’abolizione dell’articolo 18 e c’è chi propone di eliminare tutti i contratti precari, anche quelli a termine. Molti manager ed imprenditori giudicano negativamente la battaglia di Renzi per l’abolizione – o comunque una corposa modifica – dell’articolo 18, elemento cardine dello Statuto dei Lavoratori, utile a tutelare il diritto al reintegro in caso di licenziamento illegittimo. Gianni Scotti, da vent’anni a capo della Saint-Gobain Italia, ha 3.700 dipendenti: “Non ricordo di aver mai avuto a che fare con l’articolo 18. Se c’è un problema con un dipendente lo si risolve dialogando e mantenendo un atteggiamento di rispetto verso le persone”. Ecco perchè, se da un lato non mi convince la proposta del jobc act, dall’altro non mi convince la protesta della Cgil; se da un lato non condivido l’atteggiamento di Renzi di tirare dritto rifiutando il dialogo con le parti sociali, dall’altro non mi convince chi dice di combattere una battaglia per i giovani i quali però non conoscono neppure l’argomento. Dunque sto a casa. Aspettando che questo scontro tra sindacati e Leopolda non sia un’altra battaglia tra minoranza e maggioranza PD che, troppo spesso, anziché discutere dentro il Partito, trovano luoghi di scontro esterni. In questo modo, di certo, non cresce il PD e nemmeno il Paese.

(Gianpio Sarracco)

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close