83% dei vigili urbani assenti a Roma la notte di Capodanno, la polemica non si placa

vigiliPer la notte di Capodanno, l’83,5 per cento dei vigili che dovevano lavorare era assente per malattia, donazione sangue, disabilità. A renderlo noto è il Campidoglio. Polemiche per l’incredibile numero di certificati per malattia, donazione sangue e disabilità giunti. Sullo sfondo lo scontro sul contratto decentrato. Il Campidoglio: “Tutto è andato bene grazie ai sostituti reperibili”. Ma il vicesindaco accusa: “Un dato inaccettabile, a rischio la sicurezza dei cittadini”. Ritardi anche nella metro e Atac ammette: “A San Silvestro, presenti solo 7 autisti su 24″. Lo dico senza problemi e vorrei che fosse chiaro: qualsiasi forma di lotta portata avanti con questi metodi è sbagliata”. Forse non tutti si sarebbero aspettati dalla Cgil parole così sull’epidemia collettiva che ha colto i viglili romani la notte di capodanno. Ma Rosanna Dettori, responsabile nazionale Funzione Pubblica del sindacato guidato da Susanna Camusso è chiara: “Se venissero evidenziati abusi, vanno puniti senza se e senza ma, un comportamento del genere non può essere condiviso”. Laura Coccia scrive su facebook: “Le assenze per malattia, legge 104/92, donazione del sangue sono un diritto conquistato nel tempo. Abusarne a tal punto da mettere in difficoltà un servizio pubblico (come il trasporto) porta l’opinione pubblica a mettere in discussione nuovamente quei diritti, arrivando a chiamarli “privilegi”. Assistere una persona disabile o donare il sangue sono atti di amore che aiutano e supportano la collettività, non certo un privilegio. Ma per colpa di qualcuno, rischiano di rimetterci tutti, soprattutto chi ha veramente bisogno”. Si, perchè questo comportamento è sicuramente un grande assist ai sostenitori del cambiamento delle regole per il pubblico impiego. Infatti il premier Renzi ha aperto il nuovo anno con una sequenza di tweet in cui è intervenuto anche sulla polemica della Capitale. Scrive Renzi: “Leggo di 83 vigili su 100 a Roma che non lavorano “per malattia” il 31dic. Ecco perché nel 2015 cambiamo regole pubblico impiego #Buon2015″. A ruota è arrivato l’intervento del ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, sempre su Twitter e per due volte: “Ispettorato ministero Funzione Pubblica subito attivato per accertamenti violazioni e sollecito azioni disciplinari”. A seguire: “Avanti” con la riforma della Pubblica Amministrazione “per premiare le eccellenze che ci sono e punire gli irresponsabili”. Hashtag “#Roma #vigiliassenti”.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close