Trasporti, le proposte del GD

mobRiportiamo dal sito GD di Frosinone le proposte dei Giovani Democratici del Lazio relative al miglioramento dei trasporti. La crisi economica e gli effetti che ha causato, sugli spostamenti delle persone e delle loro abitazioni, in tutta la nostra regione hanno cambiato radicalmente il fenomeno del pendolarismo, ampliandolo, radicandolo e facendolo diventare un fattore determinante a cui, il governo della Regione Lazio, deve dare una risposta convincente e di lungo respiro. I dati che il CNR ha fornito alla nostra Regione sono allarmanti, l’aumento costante che, negli ultimi 5 anni, hanno avuto tutte le periferie delle grandi città della regione, in particolare Roma Capitale, ha fatto si che l’utilizzo dei mezzi pubblici non rappresenti più soltanto un modo di muoversi, ma una vera e propria condizione sociale; sono 2.462.632, secondo i dati del CNR, i cittadini che nella nostra Regione che si muovono all’interno della nostra regione per lavoro e studio (1.548.901 per lavoro, 913.731 invece per Studio), parliamo del 48,2% dell’intera popolazione che ogni giorno, utilizzando i mezzi che lo Stato mette a disposizione o quelli personali, concorrono a costruire ricchezza per tutti noi. Il fenomeno chiaramente vede maggiormente coinvolti coloro che si muovono nello stesso Comune, il 77,7% del totale si sposta da una parte all’altra della propria città ogni giorno (su questo dato chiaramente pesa la dimensione assolutamente centrale di Roma e delle sue vastissime periferie), contro solo il 18,6% che si muove all’interno della stessa Provincia. I tempi di percorrenza ci danno un dato ancor più completo della ricostruzione del fenomeno pendolarismo; tra tutti il pendolare il 44% impiega meno di 15′ ad arrivare a destinazione, il 26,2% ci mette tra i 16 e i 30 min. Per quanto riguarda gli studenti il dato si orienta in maniera determinante sulla corta percorrenza, dandoci il 59% di ragazzi che impiegano meno di 15 min. a raggiungere il proprio luogo di studio, mentre per i lavoratori il dato è molto più omogeneo. Ma il dato più inquietante è rappresentato dalla bassissima percentuale di soggetti che utilizzano mezzi pubblici per muoversi ogni giorno, in effetti sono solo il 18,8% di noi che utilizza mezzi pubblici contro uno straripante 55,4% (1.364.298) di persone che si muovono con i propri mezzi privati. Questo ovviamente si riflette in maniera rilevante e pressante sulla qualità della vita di tutti i nostri concittadini, aumentando i tempi di percorrenza aumenta lo stress, le spese nonché l’usura sia dei mezzi utilizzati che delle strade che tutti noi percorriamo innalzando in maniera assolutamente rilevante la dimensione ormai insostenibile, testimoniata dallo stato imbarazzante delle condizioni del manto stradale delle strade delle nostre città e non solo, il tasso di spesa delle amministrazioni per cercare di garantire l’incolumità di tutti noi. Rispetto a tutto questo diventa di assoluto rilievo una riflessione a tutto campo sul sistema dei mezzi pubblici della nostra regione, sistema che va rivisto nella sua totalità cercando di migliorare le performance, ridurre gli sprechi ed incentivarne l’utilizzo. Per questo, noi Giovani Democratici, abbiamo deciso di contribuire con una serie di proposte che riteniamo utili a risolvere delle problematiche insistenti sul fenomeno pendolarismo, cercando di creare soluzioni che vadano oltre la punta del nostro naso, costruendo, senza gravare eccessivamente sulle casse della nostra Regione, un trasporto pubblico più vicino alle esigenze della nostra Regione.

Proponiamo:
• L’unificazione delle aziende del trasporto pubblico locale in modo da risolvere l’annoso problema di competenza sulle diverse tratte urbane ed extraurbane, cercando, con questo, di risolvere le evidenti distorsioni che il sistema attuale ha creato tra i diversi comuni della stessa Provincia.
• La nascita di un nuovo abbonamento unico regionale denominato “Green Card”, strumento unico per abbonarsi ad ogni livello del trasporto pubblico, dal bike-sharing alle tratte regionali, a cui poter aderire direttamente online; La costruzione, con la nascita della “Green Card”, di un sistema di abbonamento per tutti gli studenti al dell’iscrizione all’università o a scuola al momento del pagamento delle tasse scolastiche/universitarie, in modo da rendere ancor più fruibile il servizio pubblico a tutti gli studenti residenti e non. L’istituzione di un sistema di facilitazioni per le categorie più svantaggiate come le famiglie numerose, gli anziani e i disabili.
• Realizzazione di nodo di scambio strategici DIRETTI tra FL e linee metro (su modello di valle Aurelia, Tiburtina termini ed ostiense) tra la stazione MA ponte lungo e la stazione FL1 Roma tuscolana (distanza 450m circa) e la stazione MB1 è la stazione FL1 Nomentana (500m). Completamento dell’anello ferroviario. Potenziamento del tracciato ferroviario compreso tra “Roma Trastevere e Roma Tiburtina” per incrementare le percorrenze orarie. Raddoppio dei tracciati ferroviari attualmente a binario unico delle FL per aumentare le frequenze (ora sature nell’ora di punta). In tal modo si potrà modificare il tracciato delle FL: Creando una linea circolare interna all’anello ferroviario. Unificare la FL2 (Tiburtina-Tivoli) e la FL5 (Civitavecchia-Termini) e la FL6 (TerminiFrosinone). Ottenendo cosi una Civitavecchia-Tivoli/Frosinone con partenza da Civitavecchia ogni 15 min. I treni si alterneranno tra Tivoli e Frosinone come destinazione finale con frequenze di un treno ogni 30 min. Unificare FL3 (Viterbo/Cesano-ostiense/Tiburtina) con la FL7 (Termini-Latina) e FL8 (Termini-Nettuno), ottenendo cosi Viterbo/Cesano-Nettuno-Latina con partenza da Viterbo ogni 60 min. e da Cesano ogni 15 min. I treni si alterneranno tra Nettuno e Latina come destinazione finale con frequenze di un treno ogni 30 min. (raddoppiando l’offerta per Nettuno e Latina). Il risultato oltre che a un miglior effetto rete, tale da consentire a tutti gli usufruttari delle FL di poter cambiare con tutte le linee su ferro di Roma, alleggerirà significativamente il carico di utenza nella stazione Termini, ormai satura.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close