Gliù Laghett

poesiaPubblichiamo la poesia di Sergio Proia “Gliù laghett”. 

Gliù laghètt

 

R’ stregnènn cièrt cart, sc’tammatìna,

repòst sott’ a ’nnu stipètt,

me so’  truàt mmàn na cartullìna,

cu ngìma retrattàt gliù laghètt.

 

La barca, gliù scialè, le paparèlle,

so’ r’ ìt a quànn, da vagliòn,

iarìmm a bèv arrèt  a gliù Bucòn,

miès a marzaròl i caglinèll,

 

Gl’ addòr d’acqua sulfa!!! … gli resènt ancòra,

s’  chiùd gli uòcchie, stènn quà ass’ttàt,

i  revèd nsuònn, speci’e quann è nòtt,

la banchina, ngìma agl’isolòtt,

‘ndò me so’, la prima vòta, nnammuràt

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi