Alla Luna

lunaPubblichiamo la poesia di Flavio Venditti dedicata alla Luna. 

Alla Luna

 

Non ridere di me

stupida luna.

Se lei non è con me

la colpa è tua.

Dov’eri tu,

arido sasso inerte,

quando necessitavo le tue cure

per sbriciolare quel cuore di marmo?

Cosa facevi?

Prodiga, dispensavi i tuoi favori,

a sciocchi amanti

a leccarsi, intenti, le ferite della vita.

Immondizia d’amore.

Trepidante respiravi,

eccitata, il fetore nauseabondo

di un ammasso di carne e sudore,

senz’anima.

Non ridere di me

Spocchiosa luna.

Io e lei volgari amanti?

No, non noi.

Io e lei senza un futuro?

Vili menzogne, taci!

Io senza di lei,

lei senza di me,

sarà mai un futuro?

Nei profondi silenzi notturni,

fedeli compagni, e fuggitivi,

sento il cuore che, solo,

va a morire…

Non ridere di me

Amica luna e,

se ci riesci, piangi…

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi