Gennaio 2010, stralci della lettera di dimissioni di assessore da parte di Gianpio Sarracco

Pubblichiamo ampi stralci della lettera di dimissioni da assessore presentata il 7/01/2010 da Gianpio Sarracco, all’epoca assessore ai lavori pubblici del comune di Fontana Liri (Giunta Pistilli 2005-2010).

Con estremo rammarico porgo le dimissioni da assessore ai lavori pubblici.
La Sua chiusura totale al dialogo registrata negli ultimi mesi ha evidenziato gravi limiti di vedute, mancanza di capacità di ascolto e mediazione.
Le discussioni non erano e non sono più ammesse. Le Sue proposte dovevano necessariamente essere sostenute, senza possibilità di dialogo.
Ho avuto l’impressione, nell’ultimo periodo, che a Lei non servono collaboratori ma solo alleati silenti che alzano la mano.
Le ricordo che siamo in democrazia e lei è un Sindaco, non un Monarca!
Un Sindaco dovrebbe cercare di ascoltare le esigenze di tutti e di proporre una sintesi, non di imporre puntualmente le proprie vedute, senza possibilità di dibattito.
Invece ci sono state Giunte svolte senza preventiva convocazione di tutti gli assessori per superare ogni possibile discussione(ma questo è eccesso di potere che è un grave vizio di forma).
Sui metodi messi in campo nell’ultimo periodo dissento profondamente: prevaricazioni e prepotenze di ogni tipo, scelte amministrative guidate da una logica preistorica, da una prospettiva di tornaconto immediato e da una ricerca spasmodica del consenso con metodi discutibili e fondati su scelte “spicciole” che rischiano di far tornare il nostro comune molti anni indietro.
L’Ufficio tecnico che risponde solo al volere del capo. Un esempio: l’assoluto menefreghismo sul problema dell’agibilità del vecchio Mulino, ristrutturato con enormi sacrifici: nonostante i solleciti verbali e scritti da parte dell’Assessore ai Lavori Pubblici tale problematica è stata ignorata e non si è potuto procedere all’assegnazione della struttura.
Il vero problema è che Lei non vuole solo fare il Sindaco: vuole scegliersi il vicesindaco, gli assessori ed i consiglieri. Vuole decidere tutto Lei.
Questa concezione totalitaria non può essere accettata dalle persone che hanno a cuore la propria dignità, prima ancora di quella politica.
Il grave episodio che si è verificato in merito al progetto della viabilità e della pubblica illuminazione (la cui richiesta di finanziamento è stata portata avanti dal sottoscritto, lo dico solo per precisazione, ad ognuno il suo…), con delle modifiche del progetto effettuate a mia insaputa, hanno evidenziato la sua concezione politica: i cittadini non sono tutti uguali.
Lei che in campagna elettorale si è tanto battuto, mettendo ai primi punti l’uguaglianza di tutti i cittadini, è incappato nell’errore più grave che può commettere un amministratore: distinguere tra cittadini di Serie A e di Serie B.
Nel caso specifico, è arrivato a stravolgere le indicazioni iniziali del progetto per eliminare, togliendo, su un totale di 36 (TRENTASEI!) pali SOLO 6 punti luce sulla strada dove, guarda caso, abitano dei miei parenti e dei miei conoscenti.
Una combinazione, per carità…anche se ha tutta l’aria di essere una ripercussione politica nei miei confronti!!!
E lei ha anche la faccia tosta di parlare di interessi familiari!!!
Ho curato talmente bene i miei interessi familiari che la linea del gasdotto che porta il metano a Fontana Liri Superiore transita per le scalette della Madonna della Costa, vira per Via Stazione e NON devia verso l’unica casa della zona, l’UNICA in cui vi è una famiglia residente: l’abitazione del sottoscritto che, ad oggi dista quasi 50 metri dalla linea, comportando un costo esorbitante per l’allaccio!!!
Si faccia un esame di coscienza prima di avanzare certe accuse.

Distinti saluti
07/01/2010

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi