Cinghiali, la rettifica della Senatrice Maria Spilabotte

Bayerischer Wald GermaniacinghialeNella giornata di ieri si era diffusa la notizia che un uomo a Ferentino era rimasto ucciso da un cinghiale. La Senatrice Maria Spilabotte aveva diramato un comunicato stampa dove chiedeva di affrontare l’emergenza cinghiali anche a seguito di questo tragico evento. Successivamente, la ricostruzione della vicenda ha fatto emergere che l’uomo è stato ucciso da una fucilata (le indagini sono ancora al vaglio degli inquirenti). L’Associazione Green “E’ Possibile” ha dunque attaccato la Senatrice per le dichiarazioni intempestive, chiedendone le scuse. Di seguito riportiamo la dichiarazione della Senatrice Maria Spilabotte: “In merito al mio comunicato diffuso ieri, accetto le critiche che mi sono state rivolte dall’Associazione Green “E’ Possibile”, visto che gli accertamenti successivi hanno completamente stravolto le prime notizie che parlavano di morte di un uomo a causa di un cinghiale. Ho agito troppo di fretta e senza attendere la certezza della ricostruzione della vicenda e di questo mi scuso. Resta comunque il grave problema della proliferazione di questa specie, che oltre ad arrecare fortissimi danni all’agricoltura rappresentano anche un pericolo per la vita umana. E’ bene ricordare, infatti, che un anno fa nella nostra provincia proprio a causa di un attraversamento improvviso della strada da parte di un cinghiale un uomo è deceduto, rimasto vittima di un incidente. Nelle zone del frusinate stanno diventando sempre più frequenti gli avvistamenti di cinghiali sulle strade, mettendo in pericolo l’incolumità degli automobilisti. E’ un problema molto serio, che va affrontato con estrema urgenza”.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi