Mostra “Contemporaneo femminile” a Santopadre

E’ stata inaugurata Domenica 13 Settembre la mostra “Contemporaneofemminile” presso la sala espositiva comunale di Santopadre (Piazza Guglielmo Marconi). Vi sono esposte le opere dalla fondazione Mastroianni delle autrici Franca Battista (nostra concittadina), Anna Maria Fardelli, Rita Mele, Flavia Passamonti, Elena Sevi. Nell’ambito della manifestazione OPEN ART Weekend ai musei, promossa dalla Fondazione Umberto Mastroianni di Arpino in collaborazione con l’Amministrazione Provincia di Frosinone e le Amministrazioni Comunali di Arpino, Santopadre e Fontana Liri, domenica 13 settembre 2015, a Santopadre, presso la Sala Espositiva Comunale, piazza Guglielmo Marconi, è stata inaugurata la mostra contemporaneofemminile. Le opere di Franca Battista, Anna Maria Fardelli, Rita Mele, Flavia Passamonti e Elena Sevi sono parte integrante della collezione contemporanea della Fondazione, costituita negli anni dalle donazioni di artisti legati al territorio frusinate o ai quali il Museo ha dedicato mostre personali. La artiste presenti negli spazi espositivi recentemente restaurati, differenti per formazione, scelte operative, metodologie espressive e progettualità di lavoro, si confrontano sulla problematicità dell’identità femminile, che diventa il campo privilegiato di indagine ed espressione. L’intento è riflettere sull’importanza di temi considerati tradizionalmente femminili, quali la narrazione, l’intimità, lo sguardo soggettivo, l’esperienza del quotidiano, ritenute ancora oggi secondarie all’interno del discorso sull’arte, per proporre una lettura complessa e intensa, giocata tutta tra pittura e scultura, linguaggi scelti per esemplificare la pluralità di esperienze declinate in maniera assolutamente indipendente. La mostra rimarrà aperta fino al 27 settembre secondo il seguente orario: sabato 16,00 – 19,00 domenica 10,00 – 13,00. Nell’ambito di questo progetto, nei fine settimana di Settembre, saranno aperti i musei presenti nei comuni di Fontana Liri, Arpino e Santopadre e le biblioteche comunali.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi