Comunicazioni del Sindaco

stemmaDi seguito le comunicazioni del Sindaco nel consiglio comunale di Giovedì 11 Febbraio. In merito alla richiesta del consigliere comunale di minoranza Giuseppe Pistilli sul pagamento delle spese di giudizio dovuto da alcuni dipendenti comunali, come sancito dal Tribunale dal 2013 (!!!), si informa che sono state date le disposizioni agli uffici per il recupero delle somme, consentendo la massima rateizzazione temporale consentita dalla legge.

La Stazione di Carabinieri di Fontana Liri organizza, in collaborazione con la Parrocchia di Santa Barbara ed il Comune di Fontana Liri – assessorato ai servizi sociali, delle attività incontri per informare anziani e fasce deboli sulle possibili truffe e reati predatori. Si sono svolti già due positivi incontri, il prossimo appuntamento è per Sabato 13 Febbraio, ore 15,00 presso le ex scuole elementari di Fontana Liri Superiore. Ringrazio il Parroco Don Pasqualino, la Legione Carabinieri Fontana Liri ed il vicesindaco assessore ai servizi sociali per l’iniziativa.

Domenica 31 gennaio 2016, l’Amministrazione Comunale di Fontana Liri ha organizzato la “Raccolta dei rifiuti ingombranti” – servizio ecologico”. Volevo ringraziare gli uffici preposti ed il personale coinvolto ed in particolare il delegato all’ambiente il consigliere comunale Pierluigi Bianchi per aver coordinato in maniera attenta il servizio.

Si è svolta domenica scorsa la sfilata dei carri allegorici del Carnevale, promossa dal Comune di Fontana Liri, assessorato allo spettacolo. L’evento, coordinato dalla Pro Loco, con la collaborazione di numerosi associazioni, ha visto il coinvolgimento di tantissimi nostri concittadini e la sfilata è stata molto bella e caratteristica. I miei complimenti a tutti i partecipanti ed organizzatori ed un grazie all’assessore allo spettacolo Marco Di Ruzza.

Il 27 Gennaio si è svolta la giornata internazionale della memoria” o “Giorno della memoria”, anniversario della liberazione nel 1945 del campo di Auschwitz. Una giornata di riflessione e ricordare quanto avvenuto, per far si che simili eventi non possano mai ripetersi in futuro. Il 27 gennaio 1945 i soldati dell’Armata Rossa abbattevano i cancelli di Auschwitz e liberavano i prigionieri sopravvissuti allo sterminio del campo nazista. Le truppe liberatrici, entrando nel campo di Auschwitz-Birkenau, scoprirono e svelarono al mondo intero il più atroce orrore della storia dell’umanità: l’olocausto. Dalla fine degli anni ’30 al 1945 in Europa furono deportati e uccisi circa sei milioni di ebrei. Abbiamo il dovere di ricordare e tramandare ai posteri, affinché tragedie del genere non si ripetano mai più.

Giorno del Ricordo
Ieri 10 febbraio si è celebrato il “giorno del ricordo”, dedicato alle vittime delle foibe e all’eccidio della popolazione italiana istriano-dalmata. Dal 2005 la giornata del 10 febbraio è dedicata al ricordo dell’eccidio avvenuto alla fine della Seconda Guerra Mondiale. C’è stato un tempo, infatti, in cui a fuggire dagli orrori della guerra verso il sogno di una vita migliore erano proprio gli italiani. In particolare le popolazioni della Venezia Giulia, dell’Istria e della Dalmazia, terre passate alla Jugoslavia del maresciallo Tito alla fine della II Guerra Mondiale, in seguito al trattato di Parigi del 10 febbraio 1947.

E’ un dovere ricordare questi tragici eventi, non tanto per ricordare chi ha fatto male a chi, ma piuttosto per riflettere su come la violenza richiama sempre violenza, su come poi le ragioni di una parte o dell’altra rischino di perdersi in un vortice di azioni-reazioni che confondono e non permettono di guardare il nocciolo della questione: la violenza di cui l’uomo è capace quando si dimentica che chi ha di fronte è semplicemente un altro uomo.
Tutti i cittadini responsabili hanno il dovere di ricordare questi tragici avvenimenti, proseguendo nel percorso del dialogo e della pace.

Nei giorni scorsi un lutto ha colpito il consigliere comunale Luigi Bianchi, in quanto il papà Franco è venuto a mancare. Esprimiamo le più sentite condoglianze a lui ed alla sua famiglia.

Nei giorni scorsi è venuto a mancare un nostro concittadino, il Prof. Marcello Reale, colto da improvviso malore mentre era intento nella consueta passeggiata mattutina. Apprezzato professore di geografia, persona sempre aperta e disponibile nei confronti di colleghi e alunni, prodigo di consigli, è stato anche consigliere comunale del nostro comune. Propongo, sia per commemorare ufficialmente il Giorno della Memoria ed il Giorno del Ricordo, che per ricordare ed esprimere cordoglio per la scomparsa di un nostro ex amministratore, un minuto di silenzio in consiglio comunale.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close