Indagato il vescovo Monsignor Antonazzo?

vescovoMonsignor Gerardo Antonazzo, vescovo della diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo, sarebbe indagato per presunte molestie sessuali a carico di otto seminaristi. Riportiamo dal sito soraweb:

Antonazzo, 60 anni il prossimo 20 maggio, avrebbe ricevuto nei giorni scorsi l’avviso di conclusione indagini. L’inchiesta era stata avviata nello scorso dicembre quando alla Procura di Casino era arrivata una lettera firmata da un giovane seminarista che raccontava presunte molestie che lui e altri sette ragazzi, tutti maggiorenni, avrebbero subito parte del vescovo. Del procedimento è titolare il procuratore capo Luciano d’Emmanuele che nei giorni scorsi ha concluso le verifiche e ha chiesto il rinvio a giudizio. Gli atti sono stati inviati alla Santa Sede, per il vaglio di eventuali provvedimenti da adottare nei confronti del vescovo.

NOTA: In serata la Procura di Cassino ha precisato che non è stato emesso alcun provvedimento di chiusura indagini e che per il Vescovo è stato solo chiesto il rinvio a giudizio a seguito di una lettera denuncia di alcuni seminaristi nel dicembre scorso.

Da Repubblica.it

L’alto prelato in una nota fa sapere di essere “sorpreso e sconcertato” dopo la notizia dell’indagine a suo carico. “Sento il dovere di dichiarare la totale infondatezza delle accuse che mi vengono attribuite” dice Gerardo Antonazzo. “Posso, inoltre, assicurare – aggiunge il monsignore – che ad oggi non ho ricevuto alcuna comunicazione da parte delle autorità competenti circa l’esistenza di un’indagine a mio carico”. Secondo alcune fonti vaticane le accuse sarebbe state mosse da persone respinte dal seminario perché considerate non adatte

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi