Il Sindaco Gianpio Sarracco incontra Giorgio Weiss

Il Sindaco Gianpio Sarracco e il Presidente del Consiglio Sergio Proia hanno fatto visita, Sabato 17 Luglio, a Giorgio Weiss, Presidente emerito della Corte dei Conti e autore e poeta. Giorgio Weiss di Valbranca, nato a Livorno e residente a Roma, ha acquistato una casa in località Fontecupa. Ha fatto amicizia e conoscenza con Franca Battista e con i membri dell’Associazione “Il Fortino” che hanno organizzato e promosso un incontro tra Giorgio Weiss ed il Sindaco di Fontana Liri: in quest’occasione Weiss ha fatto visitare la propria abitazione, acquistata da poco a Fontana Liri, nei pressi del Muraglione, ha mostrato la propria biblioteca ed ha declamato alcuni suoi componenti. Con l’occasione l’associazione Il Fortino ha presentato la richiesta di cittadinanza onoraria nelle mani del Sindaco Gianpio Sarracco ed alla presenza del Presidente del Consiglio Sergio Proia, che la porteranno prossimamente all’attenzione del consiglio comunale.

wiess5 wiess4 wiess2 wiess1 wiess33
GIORGIO WEISS: Presidente di Sezione On. della Corte dei Conti, è noto per la sua qualità di autore e ricercatore di testi di letteratura giocosa.

Pubblicista, pittore, anagrammista e soprattutto poeta, con versi che rifuggono da lirismi e intimistiche motivazioni, dando spazio a forme di gioco linguistico e temi erotici.

Da tempo svolge una intensa attività di ideatore, organizzatore e interprete di iniziative poetiche di spicco, realizzate in televisione, teatri, biblioteche, festival, letture e seminari scolastici.

Attualmente dirige dal 2002 a Capoliveri (Isola d’Elba) il Festival Le Voci della Poesia e dal 2006 il Premio Capoliveri Haiku. Dal 1994 ha diretto “Domenica ai Fori”, manifestazione romana di arte di strada, teatro, musica e danza. Ha fatto parte del direttivo della Federazione Nazionale Arte di Strada, apprezzando la vena poetica e l’irresistibile anticonvenzionalismo dello spettacolo viaggiante. Dal 2001 è membro dell’OPLEPO (Opificio di Letteratura Potenziale), organismo omologo all’OULIPO (Ouvroir de Littérature Potentielle), noto laboratorio linguistico fondato da Raymond Queneau.

Nel volume La Letteratura Italiana del Nostro Secolo di Giacinto Spagnoletti appare in compagnia di Vito Riviello, Iolanda Insana e Ennio Cavalli, definiti autori che “considerano la poesia una aggressione ludica e feroce, restituendo ad essa la sua funzione carnevalesca”.

Giorgio Weiss è il nipote di Edoardo Weiss (Trieste, 1889 – Chicago, 1970), Amico e collaboratore di Freud ebbe un ruolo pionieristico nella diffusione della psicanalisi in Italia. Edoardo Weiss fu l’analista, tra gli altri, del romanziere Italo Svevo, che gli dedicò il suo romanzo La coscienza di Zeno, e del poeta Umberto Saba.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi