Donazione sangue zone colpite dal terremoto: informazioni

Al momento l’emergenza sangue nelle zone colpite dal sisma, grazie ai tanti donatori che si sono recati in questi giorni nei punti predisposti, è rientrata. “L’emergenza sangue nelle zone maggiormente colpite dal sisma è rientrata”. Lo comunicano i presidenti regionali delle Avis Lazio, Fulvio Vicerè, e Marche, Massimo Lauri, che ringraziano “i tantissimi donatori che hanno risposto ai nostri appelli e si sono recati nei centri di raccolta per offrire il loro contributo che ha permesso di mantenere la situazione sotto controllo”. Mentre i presidenti Avis delle altre due regioni interessate dal sisma, Giovanni Magara per l’Umbria e Giulio Di Sante per l’Abruzzo, sottolineano come adesso sia “opportuno mettersi in contatto con le proprie sedi per garantire la continuità del servizio anche nei prossimi giorni ed evitare che si verifichino dei cali delle scorte”.

Il Comune di Fontana Liri, in contatto con l’Avis di Arce, promuoverà una giornata straordinaria di raccolta sangue non appena si avranno indicazioni in merito, indicativamente nella prima decade di Settembre.

Vademecum per donare
CONDIZIONI PER DONARE
Età: compresa tra 18 anni e i 60 anni
Peso: Più di 50 kg
Pulsazioni: comprese tra 50-100 battiti al minuto (anche con frequenza inferiore per chi pratica attività sportive)
Pressione arteriosa: tra 110 e 180 (sistolica o massima) – tra 60 e 100 (diastolica o minima)
Stato di salute: buono
Stile di vita: nessun comportamento a rischio

È doveroso autoescludersi se si abbia nella storia personale:
assunzione di droghe
alcolismo
rapporti sessuali ad alto rischio di trasmissione di malattie infettive (rapporti occasionali, promiscui, …)
epatite o ittero
malattie veneree
positività per il test della sifilide (TPHA o VDRL)
positività per il test AIDS (anti-HIV 1)
positività per il test dell’epatite B (HBsAg)
positività per il test dell’epatite C (anti-HCV)
rapporti sessuali con persone nelle condizioni incluse nell’elenco

L’intervallo minimo tra una donazione di sangue e l’altra è di 90 giorni. Di norma, quindi, gli uomini possono donare sangue 4 volte l’anno, mentre le donne 2 volte l’anno.
Le donne non possono donare sangue durante le mestruazioni o la gravidanza, e per un anno dopo il parto.

COME DONARE
Chi intende donare il sangue può recarsi presso una sede o un centro di raccolta Avis o un Servizio trasfusionale dell’ospedale della propria città,
a digiuno o dopo aver fatto una colazione leggera (frutta, spremute, tè, caffè poco zuccherati, pane, evitare dolci). Le donne che assumono terapia anticoncezionale non devono sospenderne l’assunzione quotidiana.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close