Roberto Vecchioni

vecchioniIl cantautore Roberto Vecchioni in un’intervista all’Huffington Post.

“Anche il popolo è diventato populista. Non ha più afflati, né slanci d’idealismo. Ognuno pensa ai suoi interessi personali. Prende e arraffa quel che può. E va dietro al primo che gli capita: imbonitori, cialtroni e uomini che spacciano fasullagini. Ho amato il popolo per moltissimo tempo. Ora non lo amo più come una volta”.

Roberto Vecchioni non parla “con piacere di politica”, però si appassiona quando considera ciò che c’è intorno: “Qualsiasi posizione tu prenda – dice all’Huffington Post – una parte la accoglierà come una disgrazia. Ti diranno che sei un venduto, un faccendiere, un interessato. E non ho nessunissima voglia di dire se voterò ‘sì’ oppure ‘no’ al referendum. Per me, è faticosissimo scegliere. Il cuore e l’anima sono per il ‘no’. Invece, l’intuito personale e la rabbia per alcune persone che sono contro mi spingono verso il ‘sì’. Lo vivo come un tormento. Ma non vedo gente lì fuori disposta a condividere la complessità della scelta”.
Fino all’inizio degli anni settanta, il popolo aveva molte più ragioni per essere amato. Nutriva aspirazioni. Non faceva calcoli. Com’è oggi, non mi interessa più.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close