MARCHIO DE.CO. Costituiti Osservatorio e Commissione

Tutto pronto per il Marchio De.Co. Costituito l’osservatorio marchio De.C.O. (Denominazione di qualità di prodotti locali). Il Comune di Fontana Liri ha aderito al progetto, sostenuto dall’Anci e dai Comuni Virtuosi, del marchio De.Co. (Denominazione di origine comunale) che innesca un forte fermento ed una battaglia culturale che parte dalle comunità locali, spesso richiamate dallo stesso Veronelli in nome della difesa delle proprie tradizioni, dei propri saperi e della propria storia. Uno strumento che può consentire al Comune di valorizzare quei prodotti, agroalimentari o artigianali, locali e caratteristici realizzati all’interno dei confini comunali.

L’Osservatorio è stato votato (con voto palese ed all’unanimità) dal consiglio comunale ed è così costituito: Sergio Proia e Pierluigi Bianchi per la maggioranza, Luigi Bianchi per la minoranza.

La Commissione De.Co., nominata secondo l’art. 4 dal Sindaco Gianpio Sarracco, è così costituita: Marco Belli, Davide Perciballi, Fabio Bianchi.
La scelta è ricaduta sul dottor Marco Belli, che ha coadiuvato l’amministrazione nelle fasi iniziali del progetto, e su due membri del Centro Commerciale Naturale “Castrum Scipionis”, questi ultimi considerando che tra le attività della presente Commissione De.Co. vi sono azioni parallele e congiunte con il C.C.N. “Castrum Scipionis” e pertanto è opportuna, in un’ottica di supporto reciproco e sinergica collaborazione, far si che le due attività proseguano parallelamente ma attraverso una proficua collaborazione.
La Commissione avrà il compito di redigere i disciplinari per i prodotti e svolgerà l’attività a titolo gratuito.

Spiega il Sindaco Gianpio Sarracco: “E’ importante considerare il marchio De.c.o. specifico, come un “marchio privato ad uso collettivo”, perchè è a disposizione dei cittadini ma è di proprietà comunale, che ne assicura il controllo. E’ un vero e proprio strumento di marketing che può contribuire allo sviluppo del territorio ed alla crescita economica e magari può essere sfruttata per veicolare e promuovere il nostro olio o il nostro vino, ma è aperto a qualsiasi prodotto che sarà certificato e dunque avrà una garanzia di tipicità e qualità. Adesso che abbiamo costituito l’Osservatorio e la Commissione e dunque il progetto può entrare nella fase operativa”.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close