Dibattito nel PD tra congresso e rischio scissione

Il PD vive un momento travagliato. Forse il più difficile, da quando è nato. Due mondi e due culture che si sono unite, in un unico campo. Pieno di contraddizioni. Che inizialmente sono state sopite. Poi ogni tanto riaffiorate. Adesso emergono con forza. Quella frase “la scissione è già avvenuta nel popolo” detta da parecchi in questi giorni scolpisce il momento.
Achille Occhetto all’Huffingtion Posto: come italiano e come uomo di sinistra, sono molto preoccupato dalle ipotesi di frantumazione, dal vedere più guastatori che costruttori. Perché siamo a un tornante della vita politica non soltanto italiana, ma anche europea, mondiale, e vedo che le forze democratiche – in primis quelle della sinistra – non riescono a fornire risposte adeguate alla situazione e alle tendenze disgregatrici. Credo che questo sia il momento di includere. Anche se riconfermo le mie critiche al Pd, che è nato con un difetto di fabbricazione, quello che sin da subito avevo definito una fusione a freddo fra apparati. Da esterno, mi permetto di dire che servirebbe una rifondazione del Pd. In questo senso ho apprezzato molto il tono e le intenzioni di fondo che Walter Veltroni ha esposto al Corriere, quella richiesta di sintesi alta a sinistra. Ecco, se quello fosse lo spirito di una rinascita del Partito democratico, io stesso cambierei atteggiamento nei suoi confronti.
Enrico Rossi, sempre all’huffingtonpost: È il tempo di ripartire. È ora di scegliere da che parte stare. Ecco, questi sono i temi su cui meriterebbe fare un congresso con tempi adeguati, per riportare il popolo della sinistra ad appassionarsi e partecipare.
Renzi vuole risponderci con una conta di poche settimane, con un plebiscito ancora una volta su se stesso. In questo modo è chiaro il senso politico di ciò che si vuol fare: un partito renziano spostato ancora di più verso il centro, una sorta di nuova Dc a direzione cesarista.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close