Ginecologi non obiettori nella Regione Lazio

ginecologiDue ginecologi assunti al San Camillo di Roma tramite un concorso della Regione Lazio finalizzato al servizio di interruzione volontaria di gravidanza. Un bando che per la prima volta viene destinato soltanto a chi non vuole fare obiezione di coscienza. E, scrive Repubblica, se uno dei due vincitori decide di esercitare questo diritto a fronte di un aborto rischia il licenziamento o la mobilità. “Dobbiamo affrontare il grande tema dell’attuazione vera della 194 nei modi tradizionali anche sperimentando forme molto innovative di tutela di una legge dello Stato che altrimenti verrebbe disattesa”, ha spiegato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che insiste su quanto sia “necessario garantire alle donne un diritto sancito dalla legge”. Ma contro la scelta della Regione Lazio si scagliano i medici cattolici, il Movimento per la Vita e la Cei, che parla di violazione della legge, perché quello dell’obiezione di coscienza è un diritto. E sul caso interviene anche il ministro della Salute Beatrice Lorenzin.
La reazione della CEI non si fa attendere: “La decisione di assumere al San Camillo di Roma medici dedicati all’interruzione di gravidanza, impedendo loro dunque l’obiezione di coscienza, snatura l’impianto della legge 194 che non aveva l’obiettivo di indurre all’aborto ma prevenirlo. Predisporre medici appositamente a questo ruolo è una indicazione chiara”. A parlare è Don Carmine Arice, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei, che sottolinea: “Non si rispetta un diritto di natura costituzionale quale è l’obiezione di coscienza”.

Dal sito di Nicola Zingaretti, le precisazioni del caso.
“Non c`è nessuna volontà di riproporre scontri ideologici su temi così delicati». Eppure Nicola Zingaretti è consapevole che il bando della Regione Lazio per assumere due ginecologi non obiettori ha scatenato una valanga di reazioni, da una parte e dall`altra.

«Ecco – spiega il governatore – l`importante è che i radicalismi non si impossessino di questi argomenti».

Prima i vescovi, poi il governo, però, hanno sollevato non trascurabili obiezioni. Per la Cei, addirittura, con questo bando viene snaturata la legge 194.

«Io ho il massimo rispetto per queste opinioni. Mi auguro, però, che dopo i dovuti approfondimenti, tutti potranno prendere atto che non c`è alcuno snaturamento della legge. Anzi: dopo anni di difficoltà torniamo a investire sulla prevenzione».

Quanto? «Oltre due milioni e mezzo sui consultori e circa 30 milioni per rifare completamente le reti della maternità nel Lazio. Il bando va inserito in un quadro più generale».

Resta però un concorso che seleziona esclusivamente medici non obiettori. Gli altri saranno esclusi? «Il bando non esclude gli obiettori. Semplicemente esplicita chiaramente la funzione che si deve svolgere quando si è assunti e che ovviamente sarà parte del contratto».

La ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, dice però che «la selezione non è prevista». Nell`iter del bando non avete informato il ministero? «Il bando è un`iniziativa che affonda le radici molti mesi fa: è stata prima annunciata, poi espletato il concorso che ora si è concluso. È una delle possibilità previste dalla legge quella di predisporre bandi nei quali i contratti sono finalizzati a un obiettivo: in questo caso è l`interruzione di gravidanza».

E come risponde a chi dice che, invece, che il bando non garantisce gli obiettori? «Ripeto: nel Lazio il diritto all`obiezione è garantito al 100%. In questo caso di tratta di un bando specifico per 2 figure su circa 2.200 medici in servizio, che se obiettori, sono sicuro, non avranno fatto domanda».

C`è un tema, però: se uno dei medici selezionati con questo strumento cambia idea, diventa obiettore, potrebbe essere messo in mobilità o in esubero? Vi aspettate ricorsi al giudice del lavoro? «Siamo in presenza di una novità assoluta che individua una strada. Qui entriamo in un campo del diritto del lavoro dove le differenze e le variabili sono infinite. Io credo che il valore aggiunto di questa iniziativa sia ai nastri di partenza: lo Stato cerca personale per svolgere una mansione ben precisa».

Teme che possano essere sollevati profili di incostituzionalità? «Mi auguro di no e non credo siamo nemmeno in una situazione di conflitto tra leggi statali e regionali. Piuttosto, la nostra è un`iniziativa per rendere davvero applicata una legge dello Stato su cui, per altro, l`Italia ha ricevuto un richiamo dal Consiglio d`Europa».

Quali sono le percentuali dei ginecologi obiettori di coscienza negli ospedali del Lazio? «Gli obiettori sono il 78%. In questo modo il rischio è inverso a quello segnalato da chi si oppone al bando: e cioè che il diritto all`interruzione volontaria di gravidanza sia nei fatti quotidianamente negato alle donne».

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close