Caffè Gramellini

gramelliniArticolo segnalato da Lino Bianchi, membro del Direttivo del Circolo PD Fontana Liri. Caffè Gramellini, dal Corriere della Sera

Era cominciata male, malissimo, con un tumore al fegato che lo aveva strappato alla famiglia e alla fabbrica per rinchiuderlo in un ospedale a contare i mesi che lo separavano dalla fine. Era continuata bene, benissimo, con il donatore compatibile, il trapianto riuscito e il ritorno a casa e ai progetti, tra i quali spiccava il momento in cui, esaurita la convalescenza, si sarebbe ripresentato nella sua officina alle porte di Torino. Invece era andata male, malissimo. Lo avevano bloccato all’ingresso come un postulante, lui che lavorava lì dal 1990, quando c’erano ancora le lire in tasca, Andreotti al governo e Schillaci in Nazionale. Qualche funzionarietto con le mani sudate gli aveva spiegato che, dopo 27 anni, dell’operaio Antonio Forchione non sapevano più che farsene, specie ora che non avrebbe più potuto respirare i fumi e le polveri dell’officina. Lui aveva inghiottito l’amor proprio e si era proposto almeno come fattorino. Gli avevano detto di no. Allora era andata peggio e peggio. Quell’uomo appena restituito all’onore del mondo si era sentito un osso spolpato da gettare nei rifiuti. Non gli avevano negato soltanto uno stipendio, ma un ruolo nella società. Avendo già rimontato la vita una volta, sapeva che non avrebbe avuto la forza di farlo di nuovo. Così i suoi colleghi hanno deciso di rimontare insieme. Hanno scioperato per lui ed è andata bene, benissimo, perché ieri l’azienda con sede in Svizzera ha ritirato il licenziamento. Ce lo ha appena ricordato il Barcellona: nessuna rimonta è impossibile quando funziona il gioco di squadra.

Lino Bianchi commenta: “Ecco a cosa serve l’art.18. Il lavoratore ricade ancora sotto la protezione dell’art. 18. Bravi i lavoratori, ma se fosse stato assunto dopo il “Jobs act” con le sue “tutele crescenti” (sic!) non sarebbe andata così!”.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close