Perchè Renzi!

Riceviamo e pubblichiamo da Flavio Venditti, membro del direttivo PD Fontana Liri. Perché Renzi?
La mozione Renzi e il partito (mozione Renzi-Martina). Se non torneremo più ai partiti del Novecento, la risposta non può essere nei partiti-azienda che come Forza Italia o i Cinque Stelle confondono la partecipazione popolare con le decisioni assunte da cupole proprietarie o da algoritmi privi di trasparenza. La risposta è un “partito pensante” che sia finalmente in grado di formare classi dirigenti a tutti i livelli, rivitalizzare la funzione dei circoli territoriali con compiti di organizzazione delle comunità locali, valorizzare in modi continuativi la comunità dei cittadini che partecipano alle primarie. E proprio mentre i partiti-azienda rinunciano a coinvolgere cittadini ed elettori nelle scelte di fondo, il PD affida ancora una volta alle primarie aperte la determinazione della propria leadership e della visione politico-culturale con cui si rivolgerà a tutti gli italiani.
Confermando l’identificazione tra leader di partito e candidato alla guida del governo (la soluzione più efficace, oltre che quella diffusa nelle principali democrazie europee, per legare la scelta dell’elettore alle future scelte del partito al governo). E puntando ad una solida alleanza con gli elettori – invece che su coalizioni che in passato hanno sempre impedito azioni di governo coerenti ed efficaci. Il Partito Democratico è nato su due pilastri. Da una parte, le culture politiche sulle quali si è fondata nel secondo dopoguerra la democrazia italiana. Dall’altra, l’idea di centrosinistra che è stata al cuore dell’esperienza dell’Ulivo: una forza di cambiamento reale e non solo un campo identitario, dove ciò che conta è rappresentare per governare. A dieci anni dalla nascita, il Partito Democratico può finalmente diventare quel “partito nuovo” che fu immaginato dai suoi fondatori, un soggetto di militanza popolare, formazione, competenza e pensiero del futuro che, nell’epoca della delegittimazione della politica e della privatizzazione dei partiti, sia per la democrazia italiana uno strumento di autentica partecipazione, in grado di tradurre la rappresentanza in governo e buona amministrazione. Un Partito “pensante” che selezioni e formi classe dirigente. Un Partito che rafforzi il protagonismo delle donne. Un Partito aperto, innovativo e radicato sul territorio, al quale arrivare attraverso una profonda riforma della cultura e delle pratiche organizzative. L’esperienza di questi anni ci dice che il principio – per noi essenziale – di coincidenza tra segretario e candidato premier richiede una cura particolare del Partito, specialmente durante le stagioni di governo, anche allo scopo di migliorare la qualità delle riforme e di farle vivere nella società. Un Partito costruito sui valori della partecipazione e della contendibilità. Per questi motivi proponiamo:
• Di dotare i circoli e i livelli territoriali del PD di competenze e ruoli professionali dedicati a specifiche attività sempre più rilevanti quali: la gestione del volontariato intergenerazionale, l’aggiornamento e la gestione di database e analisi dei dati, la promozione dell’autofinanziamento e la comunicazione sui nuovi social media.
• Di ridefinire la fisionomia dei circoli che devono diventare punto di riferimento della propria comunità. Contatto diretto, “porta a porta”, organizzazione delle Feste dell’Unità, uso dei nuovi strumenti di comunicazione. Per far questo occorre valorizzare il volontariato politico intorno a valori, identità, partecipazione e obiettivi dichiarati e condivisi: un volontariato intergenerazionale capace di mescolare tradizione delle culture politiche e di partito fondanti del PD e innovazione.
• Di ripensare il dirigente del PD sul territorio, a partire dal segretario di circolo, come un “promotore e organizzatore di comunità”, ossia una figura che sappia rappresentare non solo il rapporto con la Federazione e la gestione degli iscritti, ma anche essere riferimento di associazioni, mondi vitali, elettori delle primarie e cittadini, e dunque organizzare periodicamente consultazioni tra questi mondi sui temi dell’iniziativa politica del Partito.
• Di prevedere modalità periodiche di confronto, anche sfruttando le potenzialità della rete, tra iscritti, elettori ed eletti a tutti i livelli per dar voce alle comunità.
• Di ripensare i rapporti tra i livelli locali del Partito, le segreterie regionali e provinciali, da intendere come “rete di reti” e non come sommatoria di realtà tra loro impermeabili.
• Di costruire un sistema di formazione continua articolato su più livelli: un seminario nazionale rivolto a 300/400 giovani militanti e amministratori della durata di sei mesi; una “summer school” che rappresenti un momento annuale di approfondimento sui principali temi dell’agenda politica; un sistema di aggiornamento
permanente della comunità PD sui singoli aspetti dell’attività politica e della produzione legislativa nazionale e regionale del Partito, oltre che sui nuovi strumenti di autofinanziamento, incrociato al nuovo ruolo dei promotori e organizzatori di comunità.
• Di valorizzare il patrimonio politico e organizzativo dei Giovani Democratici, quale luogo cruciale per intercettare le giovani generazioni e nell’assoluto rispetto dell’autonomia dell’organizzazione giovanile.
• Di investire nella creazione dell’Albo degli elettori come base aggiornata dei cittadini ai quali fare costante riferimento per l’iniziativa politica.
Su queste e altre proposte proponiamo di tenere entro la fine del 2017 una Conferenza Nazionale sul Partito sotto forma di sessione straordinaria della prossima Assemblea nazionale del PD – allargata ai segretari di circolo – allo scopo di assumere le scelte utili a realizzare le innovazioni necessarie. In virtù di questa idea di Partito, analogamente a quanto accade in tutte le democrazie parlamentari anche basate su sistemi proporzionali, crediamo – come detto – che la leadership che si propone per il Governo del Paese debba essere la stessa che guida il Partito. E sempre in virtù di questa idea di Partito, ci sottraiamo a una discussione sul tema delle alleanze elettorali meramente “politicista”. Le alleanze durevoli in una qualsiasi democrazia parlamentare si fondano su una convergenza programmatica seria e su incentivi istituzionali chiari.. Al momento, le regole con cui voteremo non sono ancora chiare, però ci preme sin d’ora affermare due punti. Primo: il PD non deve rassegnarsi al piano inclinato che, dopo l’esito del referendum del 4 dicembre 2016, spinge verso la democrazia consociativa, quella per cui si decide tutto dopo il voto in una stanza dove si riuniscono i segretari di partiti grandi e piccoli. Per questo motivo, il PD deve fare tutto il possibile per introdurre correttivi maggioritari alla legge elettorale. Chi parla di coalizioni elettorali prima di parlare di alleanze sociali, proposte e identità, inverte – sbagliando – l’ordine dei fattori. Le alleanze che ci interessano sono quelle sui contenuti, con le elettrici e gli elettori del nostro Paese, in modo da unire le quattro grandi fratture che ancora attraversano la società italiana: sociale, territoriale, generazionale e di genere. I documenti usciti dal Lingotto (disponibili online sul sito www.matteorenzi.it) verranno ulteriormente arricchiti dalla partecipazione sui territori e nella rete, e rappresentano parte integrante della nostra proposta congressuale. Al fine di far tornare l’Italia a crescere e superare le fratture generazionali, territoriali, di genere e sociali, i democratici devono investire su tre assi strategici di azione politica e programmatica: prendersi cura della persona, prendersi cura del territorio, prendersi cura del futuro.

Flavio Venditti (da “Un partito pensante” di Andrea Romano.)

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close