Primarie del PD

infodueuroOGGI, Domenica 30 Aprile si svolgeranno le primarie per l’elezione del segretario nazionale del PD. Si vota dalle 8,00 alle 20,00. 

A Fontana Liri, il seggio sarà allestito presso l’ex sede del Circolo del PD nei locali di Piazza Trento (ex Foto Scic). Il seggio è così composto: Elino Bianchi (Presidente), Sergio Proia, Richard Gaeta. Potranno votare tutte le persone che hanno compito 16 anni, dietro versamento di due euro. Gli iscritti al PD non sono obbligati al pagamento dei due euro. Potranno votare anche i domiciliati se residenti fuori provincia.

I candidati alla carica di Segretario nazionale del Partito democratico sono: Matteo Renzi, Andrea Orlando e Michele Emiliano. Il partito democratico ha messo a disposizione oltre al sito www.primariepd2017.it anche un numero verde 800-090-010 dove si possono chiedere tutte le informazioni relative alle modalità di voto, alla registrazione online degli elettori.
Tutti gli elettori e le elettrici avranno la possibilità di contribuire con il loro voto a scegliere il segretario del Partito Democratico, colui che dovrà guidare la più grande forza progressista del Paese verso le prossime prove elettorali.

 

Commenti: 

Domenica 30 aprile dalle 8 alle 20 saranno aperti ben 93 seggi nella nostra provincia, coprendo quasi tutti i comuni, per votare scegliendo il prossimo Segretario Nazionale del Partito Democratico fra Andrea Orlando, Michele Emiliano e Matteo Renzi. Possono farlo tutti coloro che si rivedono nella nostra proposta politica anche senza essere iscritti, compresi i giovani che abbiano almeno compiuto 16 anni. Desidero ringraziare di vero cuore tutti coloro che permetteranno questo straordinario esercizio di democrazia; dalla struttura provinciale ai militanti che aprono i seggi, agli attivisti che girano per illustrare le mozioni in campo, in questo congresso. Credo che questa comunità democratica, fatta di uomini e donne che con autentico spirito di servizio cercano di dare il loro contributo per una società migliore, sia un patrimonio immenso per il nostro Paese e per il nostro partito e credo che vada valorizzata ancora di più rispetto alle scelte che si sono fatte o che si faranno negli organismi dirigenti o nelle istituzioni e che vada rappresentato un ancora più forte percorso di condivisione fra loro e gli eletti a ogni livello, politico o istituzionale che sia. Domenica concluderemo, quindi, un buon congresso, con tre candidati all’altezza della situazione e con tre proposte politiche che sono l’essenza del progetto democratico e che possono e debbano trovare una sintesi virtuosa nel solco del miglior centro sinistra italiano. Mi piace immaginare questa fase come una comunità in cammino per determinare democraticamente, in maniera collettiva, la strada migliore per affrontare le difficili sfide del nostro tempo, proponendo un percorso che tenga insieme una più equa ridistribuzione delle risorse con lo spirito europeo e con uno sviluppo sostenibile con più diritti e opportunità per tutti.
Simone Costanzo Segretario Provinciale PD Frosinone

Le primarie sono un appuntamento molto importante che confermano il PD come il partito della partecipazione e del confronto democratico. Le primarie sono un esercizio concreto di democrazia che riguarda tutti. Il 30 aprile non è infatti un appuntamento che riguarda solo il pd ma tutti i cittadini ed il Paese intero: chi vuole evitare di consegnare la prossima legislatura nelle mani del M5S, chi vuole chiudere la stagione delle “grandi coalizioni”, chi non vuole favorire la ripresa della destra il 30 aprile ha una possibilità: partecipare alle primarie del Pd per rafforzare e rilanciare un progetto politico riformatore e democratico, popolare e non populista, adatto a rappresentare l’Italia in Europa e nel mondo inquieto di oggi. Votare alle primarie per legittimare il PD come una comunità viva e consapevole capace di essere forza di governo, evitando derive di forze politiche che alimentano il proprio vigore elettorale solo sulla rabbia dei cittadini, non provando però mai a proporre proposte concrete di risoluzioni delle problematiche. Democrazia è partecipazione: una partecipazione vera, concreta, fatta di persone che si recano ai seggi, di gente che discute con responsabilità nelle sezioni e che vive di confronti diretti, non da facili leoni da tastiera che pensano di risolvere tutto con un click, lanciando sentenze su tutto e contro tutto stando comodamente sul divano di casa.

Maria Spilabotte, Senatrice PD

 

 

Nel riquadro, un chiaro schema riepilogativo sulle primarie. 

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close