La diffusione dell’odio in rete

Sondaggio swg sulla diffusione dell’odio in rete. Tanto odio sui social, molti gli utenti che provano delusione, imbarazzo, paura di fronte alla violenza verbale. Principali vittime di insulti sono i migranti (32%), i politici (30%), i gay (30%), le donne (27%), le minoranze di vario genere (21%) ed i musulmani (15%). Gli argomenti che scatenano con maggiore facilità dinamiche offensive sono la politica e l’economia (51%). Secondo l’86% degli utenti in rete sono troppo diffusi atteggiamenti con posizioni volgari, offensive, violente o che incitano l’odio. Solo il 13% ritiene il linguaggio complessivo dei social normale. Per l’88% degli utenti il fenomeno ha superato i livelli di tollerabilità. Il 51% prova fastidio di fronte ad attacchi violenti, il 36% rabbia, il 32% tristezza.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi