Nuovo bando per artigianato

Dal sito dell’Assessore Regionale Mauro Buschini
Fondo perduto al 100% per chi assume un under 35. Riserva da 400mila euro per le imprese nei piccoli comuni

“A partire da oggi, martedì 6 febbraio, al via il nuovo avviso pubblico regionale finanziato con 3 milioni e rivolto agli artigiani, con l’obiettivo di sostenere l’artigianato e le Pmi del Lazio a modernizzarsi e migliorare la loro competitività. Il bando è pensato per investimenti sul potenziamento della produttività e dell’innovazione delle imprese artigiane del Lazio tramite progetti delle imprese (2,6 milioni) o servizi offerti dai Centri Servizi per l’Artigianato (Csa) (400.000 euro). In seno ai 2,6 milioni destinati alle imprese sono previste due riserve, una da 600.000 euro per l’artigianato artistico e tradizionale e una da 400.000 euro per le attività artigiane con sede in un Comune con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti, con particolare attenzione, quindi, a quelle attività ancora localizzate nei centri più piccoli, ma che ancora custodiscono le tradizioni produttive locali. I beneficiari sono le imprese già esistenti e le aggregazioni stabili o temporanee comprendenti almeno cinque e non più di dieci imprese. Circa la tipologia dell’aiuto, per quanto riguarda le risorse per le imprese, i contributi sono concessi a fondo perduto fino a copertura dell’80% del progetto, elevabili al 100% per i progetti che comportino l’assunzione di giovani under 35. Per quanto riguarda le risorse dedicate ai Csa, l’aiuto concesso sarà sempre a fondo perduto fino all’80% delle spese ammissibili, e comunque fino a un massimo di 200.000 euro”.

Lo dichiara in una nota l’Assessore Regionale Mauro Buschini.

“Per i progetti delle imprese – spiega Buschini -, questi devono essere mirati all’innovazione (e-commerce, marketing, servizi Ict) o allo sviluppo della creatività (design, utilizzo di nuovi materiali, ecc.) delle imprese artigiane, sostenendo spese relative, ad esempio, a macchinari, hardware, brevetti, licenze, adesione a piattaforme di e-commerce, consulenze, formazione e assistenza tecnica. Per quanto riguarda le risorse dedicate ai Csa, i progetti devono essere sovraprovinciali e devono riguardare l’offerta di servizi per la crescita e l’innovazione delle imprese artigiane, e le risorse potranno essere utilizzate per spese di personale, consulenze e altre spese indirette. Un aiuto concreto ad un settore fondamentale per il nostro territorio, per rafforzare la competitività delle imprese più piccole e renderle maggiormente competitive sul mercato globalizzato”.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi