No ai fucili alle elementari

Riportiamo la petizione tratta da change.org
In provincia di Brescia i cacciatori entrano nelle scuole elementari con fucili e prede impagliate per insegnare ai bambini la caccia. Patrizia chiede che si fermi tutto questo e che si tutelino bambini e ragazzi minorenni: la caccia non è un videogame da portare tra i banchi di scuola.

Sul quotidiano Il Giorno di Brescia dell’11.3.2018 si legge che in una scuola elementare di di Brescia, da qualche settimana i cacciatori fanno lezione in classe. Organizzata dal Consorzio Armaioli portano cani e volatili imbalsamati. Vengono raccontate ‘favole’ che riabilitano il cacciatore in veste di custode della natura e… le mamme ringraziano! (e non è ironia) perché così si valorizza la tradizione. In Valtrompia, terra di fucili e tradizioni venatorie, la caccia è considerata cosa buona e giusta, da imparare sui banchi di scuola. E hanno già chiamato dalle scuole di Sarezzo, Polaveno, Lodrino per ospitare anch’essi queste lezioni così educative. Come racconta Il Giorno, anche il sindaco di Gardone, Pierangelo Lancelotti, plaude: «Capisco che per chi non vive da queste parti sia un progetto strano. Ma per noi avere a che fare con un fucile è normale”.

‘Normale’ appare anche per la Regione Veneto e la Provincia di Treviso che hanno patrocinato un”iniziativa simile titolata: “Giovani a caccia di esperienze”.

Un genere di esperienza da lasciare sempre e solo a persone maggiorenni, che hanno già raggiunto quella maturità che consenta loro di non confondere un fucile vero con quello dei videogame.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi