Flavio Venditti: “Un errore chiudere ai cinque stelle”

Dalla pagina facebook del membro di Direttivo PD Fontana Liri Flavio Venditti. 

Cari dirigenti del PD, Renzi è stata una grossa, grossissima opportunità per l’Italia, al netto della cecità e delle castronerie di imbecilli e frustrati. Ma anche lui ha fatto errori, ed è giusto che paghi. Ho la sensazione, anzi la certezza, che voglia un governo di centrodestra e m5s, per poter sfruttare l’inevitabile malcontento che ne deriverà, e potersi ripresentare. Data la giovane età, ha tempo. E chi se ne frega dell’Italia se con quel governo rischia di sprofondare. E questa è una grave colpa che non gli si può perdonare. Ciò detto, credo che oggi il PD abbia l’OBBLIGO di cercare un’intesa coi 5S per un motivo semplice e serio: disinnescare il potenziale distruttivo del Cialtrone del Nord con Berlusconi, pericolosi, malefici, funesti, l’uno per la testa, l’altro per i soldi, delinquenti entrambi. E, sia chiaro, votarli non è democrazia, diritto di scelta, libertà, votarli è correità in un reato gravissimo, attentato all’integrità dell’Italia, perché anche una nazione a due velocità è divisione, e istigazione all’odio. Il Cialtrone produce consenso alimentando paure, è uomo irresponsabile che cavalca l’onda di esasperazione e sfama la pancia delle persone arrabbiate urlando “il primo ladro e strozzino che c’è in Italia si chiama Stato”. Ma si rendono conto i dirigenti del PD che stiamo parlando di fascismo vero, reale, non lontano? Stiamo parlando di un alleato del Front National, di un cinico che considera Putin un esempio da seguire e che è solito scendere in piazza insieme ai neofascisti di Casa Pound, razzisti e xenofobi. Alla manifestazione romana in piazza del Popolo i fazzoletti verdi si sono mescolati a croci celtiche, striscioni con l’immagine del Duce e simboli del partito neonazista greco Alba Dorata. C’erano anche militanti francesi e tedeschi di estrema destra affiliati a Bloc Identitaire e Pegida, il movimento “anti Islam”. Cari dirigenti del PD, se è rimasto un briciolo di dignità e di senso dello stato in questo partito, questo è il momento di metterlo in campo. Questo è il momento, non domani, dopo, vediamo, no, ora, ADESSO.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi