Anci: comuni alle prese con poche risorse e tanti obblighi, occorre rivedere il quadro complessivo

Dal Sito dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani). Rivedere le scadenze della contabilità economico-patrimoniale, riformulare il piano di riequilibrio pluriennale, eliminare le sanzioni da sforamento del saldo di competenza 2016, rendere disponibili per le Città metropolitane gli avanzi di amministrazione e rivedere i criteri di assegnazione del fondo per la messa in sicurezza. E ancora, misure per la semplificazione amministrativa, per la ripresa degli investimenti e per la ristrutturazione del debito del comparto Comuni. Sono questi i principali temi che Anci porterà all’attenzione del nuovo governo e che oggi sono stati illustrati al Parlamento, nel corso dell’audizione davanti alla commissione speciale della Camera che sta analizzando il documento di economia e finanza 2018.

“Meno risorse disponibili a fronte di una domanda di protezione crescente: questo il paradosso che ogni sindaco ha dovuto governare in un frangente storico reso tanto più delicato e complesso dal dispiegarsi degli effetti delle globalizzazione”. A sottolinearlo è stato Guido Castelli, sindaco di Ascoli Piceno e delegato Anci alla Finanza Locale. Il contributo fornito dai comuni al risanamento dei conti pubblici dello Stato negli ultimi anni è stato molto rilevante. Il presidente della Corte dei Conti lo ha definito addirittura ‘sproporzionato’. Lo stress economico/finanziario, circa 9 mld negli ultimi 5 anni, ha fortemente logorato la capacità di risposta del sistema comunale ai crescenti bisogni sociali delle comunità amministrate”. Certo, negli ultimi due anni la situazione, quantomeno, si è stabilizzata. “Ma rimangono tante criticità e nonostante gli sforzi del legislatore, abbiamo ancora una estrema difficoltà a spendere le risorse perché il personale è sempre in diminuzione e invecchiato”. “Ormai – ha concluso Castelli – la pubblica amministrazione locale è più concentrata ad adempiere che a funzionare: occorre quindi recuperare la cultura del risultato, che deve passare da una riforma della finanza locale e del catasto e da una diminuzione del profluvio di norme e quesiti che ogni giorno ingessano l’azione delle amministrazioni”. Per il Presidente dei Piccoli Comuni Guerra è “fondamentale graduare il peso degli accantonamenti al Fondo crediti di dubbia esigibilità. Inoltre a partire dal 2019 – ha spiegato – cesseranno le riduzioni di risorse previste dal decreto 66/2014. Si tratta di una “restituzione” ai Comuni di 563,4 milioni di euro. L’Anci è pronta a valutare l’opportunità che queste risorse vadano a formare un primo nucleo di contributo “verticale” all’attuale sistema perequativo, oggi alimentato esclusivamente dalle risorse comunali con gravi effetti distorisivi. Per quanto riguarda il versante degli investimenti – ha continuato – bene l’indicazione di risorse dirette alla progettazione ma vanno aumentate, perché i Comuni vogliono svolgere pienamente la funzione di principale sostegno all’economia locale. Anci ha presentato un primo studio sugli avanzi disponibili dei Comuni – ha concluso Guerra – che dimostra che se si cambiano alcune regole possiamo fare di più, utilizzando gli avanzi a disposizione”.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi