L’ accurciatòra

Una poesia di Sergio Proia dedicata alla Madonna di Loreto.

Vurrìa  r’ ì quarant’ann arrèt,
arr’zzàmm la matìna a nisciun ora
pe ì alla Madonna a pèt a pèt,
passènn  p’ ll’accurciatòra.
Camm’nà  tra  vrùtt i  fuòss ‘e la Fraìna,
pe  r’scì a gliù rì chè già quac’e matìna.
Azzècchà le scalètt ‘e lla staziòn
i  ‘mbuccà la viòzza ssòtt a gliù custòn;
quànn la via se fa cchiù stretta
ècch  ch’ arriv’  allà chi’esètta.
Quanta gent’, quanta d’voziòn,
loc’ attòrn è chìn d’ persòn.
La mon’ca ass’ttàta a gliù banchètt,
la femm’na scàusa ch se batt mpiètt
la vecchia ngenucchiàta p’ la vìa
r’pèt la stessa litanìa:
“Madonna mia d’ Lòr
viècc’tu quann’ì m’ mòr…..
Quant’ giuv’n, quanta criatùr,
quant’uòmn appuggiàt a chigliù mùr.
Ogg’ie ch’ è cchiù facel’ arr’và
tutta  chella gent n’c’e stà.
Ippur mò  la strada è c’lindràta
i  la via vecchia è stata abbandunàta.
Fràtt, fràsch’, zipp, spìn
p’ tùtt’  te sbàrrn’ gliù cammìn,
i  s’ ulèss r’vedè nà vòta ancòra
la via ch’ s’ facèva sempr’ allòra,
m’ la pòzz sunnà la nott’ sulamènt
ancora n’ àtu puòch….   i  pò….  cchiù niènt.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi