Resoconto riunione di Circolo PD Fontana Liri

Prosegue incessante l’attività del Circolo PD di Fontana Liri. Si è tenuta lo scorso venerdì sera, presso il Caffè Grimaldi, l’assemblea degli iscritti del circolo PD di Fontana Liri. A rappresentare l’amministrazione comunale era presente il sindaco Gianpio Sarracco, assente invece a causa di concomitanti impegni istituzionali (riunioni con le associazioni in aula consiliare per la manifestazione dell’omaggio all’olio di oliva per il 27 e 28 ottobre) il presidente del consiglio comunale Sergio Proia. Il segretario Rocco Patriarca e il vice segretario Christian Di Ruzza hanno esposto i vari appuntamenti e le scadenze a cui il Partito Democratico andrà incontro nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, con l’imminente apertura della fase congressuale ad ogni livello (nazionale, regionale e provinciale). Pertanto è stato raccomandato il massimo impegno e la massima franchezza nel dibattito, elementi oggi imprescindibili per ridare linfa vitale al partito anche sul piano locale. È stata analizzata la questione riguardante lo stato dello Stabilimento militare propellenti (Polverificio) di Fontana Liri, tante sono state le proposte avanzate sul come salvare, recuperare e riconvertire l’impianto; il sindaco ha comunicato che negli ultimi giorni c’è stato un significativo interessamento riguardo la vicenda da parte del deputato del M5S Luca Frusone che in questi giorni lavorerà per aprire un tavolo di discussione al ministero che coinvolgerà tutte le istituzioni responsabili (governo, comune, AID) ed una delegazione di Fontana Liri sarà ricevuta Lunedì 8 Ottobre al Ministero. Della delegazione ovviamente farà parte il sindaco Sarracco che riferirà alla prossima riunione gli sviluppi della vicenda. Rinviate al prossimo incontro le comunicazioni sulla situazione politica comunale. Infine, il segretario di circolo ha annunciato che nel mese di novembre sarà organizzato un convegno sulla legalità che vedrà coinvolte importanti personalità della società civile per sensibilizzare la cittadinanza su una problematica che attanaglia fortemente la provincia di Frosinone e l’intero Basso Lazio.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi