Museo della Ferrovia della Valle del Liri

museoPrimo compleanno per il Museo della Ferrovia della Valle del Liri. 

Da Apassiferrati riceviamo e pubblichiamo. 

Grande partecipazione ad Arce per il 1° compleanno del Museo della Ferrovia della valle del Liri. Lo scorso 29 settembre, nella sala del Consiglio comunale, alla presenza di un pubblico numeroso, di diverse personalità istituzionali e giornalisti sono state illustrate le attività di Mu.fe.Li.

Presenti in particolare sindaci ed amministratori dei Comuni di Arce, Fontana Liri, Rocca d’Arce, Arpino,Colfelice, Isola del Liri e Casalvieri.

L’ing. Paolo Silvi, presidente dell’associazione Apassiferrati, ideatore e finanziatore del Museo, con il contributo del Comune di Arce, ha presentato i progetti svolti in questo primo anno ed anticipato alcune iniziative future.

In 100 giorni di apertura al pubblico il Museo, dedicato alla tratta ferroviaria Roccasecca -Arce – Avezzano, ha raggiunto quasi i 1700 visitatori.

Tra il 2017 e il 2018, questa nuova realtà del Lazio Meridionale, nata con lo scopo di valorizzare il territorio favorendo possibilità alternative di turismo culturale, è stata presentata in Francia, Germania, Spagna e Portogallo ed ha tessuto un’ importante rete di relazioni, tra cui quella con il prestigioso Museo del Ferrocarril di Madrid .

Sul territorio sono state evidenziate le manifestazioni culturali pensate per la cittadinanza, nate dalla collaborazione con istituzioni come il Centro Studi e ricerche Marcello Mastroianni presieduto dalla Prof.ssa Santina Pistilli.

Il Museo ha realizzato in particolare un programma per le scuole, a cui hanno partecipato classi provenienti dalla scuola dell’infanzia alle scuole secondarie di primo grado.

L’offerta didattica museale 2018- 2019, denominata la Valle dei musei, tra storia e tradizioni coinvolge i comuni di Arce, Ceprano e Pastena, con percorsi Storico – Antropologico e Archeologico.

Ad Arce nei musei sarà possibile effettuare un percorso a bordo del trenino turistico. Programmi curati dal Dr. Pier Giorgio Monti, direttore del Museo Archeologico di Ceprano e la signora Laura Di Domenico di Apassiferrati.

Alla serata era presente Luciana Iannucci ,vice preside della scuola di Arce, che ha sottolineato quanto la proposta scientifica messa in campo dal museo possa essere efficace e stimolante dal punto di vista didattico

Molto simpatica ed emozionante anche la presenza di tre baby sindaci, bambini provenienti da scuole del territorio, che hanno raccontato direttamente la loro esperienza da visitatori.

All’evento è intervenuta anche l’ing. Claudia Bettiol co-owner di http://discoverplaces.travel/it/ che ha evidenziato i punti deboli e i punti di forza che la nostra Regione deve tener presente per una corretta e aggiornata comunicazione di luoghi straordinari come quello della valle del liri.

L’ anniversario del Museo é stato anche l’occasione per presentare il testo del giovane Luigi Cicchini, vincitore del premio alla ricerca frutto della convenzione tra l’Università di Cassino e Apassiferrati, finanziata da Apassiferrati con i contributi dei comuni di Arce e Fontana Liri, dal titolo: ” Infrastrutture ferroviarie e produzioni industriali nella Valle del Liri tra fine secolo ed inizio Novecento”.

Il testo, é il secondo edito da “I quaderni della Ferrovia della Valle del Liri”, collana dell’associazione Apassiferrati

.Giovanni Betta, Rettore dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, ha inviato messaggio video per salutare i partecipanti all’evento e complimentarsi con il vincitore.

Il Museo della ferrovia della valle del Liri è aperto ogni sabato (ore 10-12.30 e 15-18.30) e domenica (10-12.30), si trova nel Municipio di Arce (via Milite Ignoto) .

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi