Dalla newsletter di Matteo Renzi

renziLei si chiama Lella, Lella Paita. È stata letteralmente massacrata sui media e dagli avversari per l’alluvione del 2014 a Genova. Ha subito un processo, è stata assolta in primo grado e in secondo grado. La campagna di quei giorni era tremenda: Panorama, ad esempio, titolava così. Lella aveva vinto le primarie ed era la candidata favorita per diventare Presidente della Liguria. La sinistra interna, sconfitta alle Primarie con Cofferati, decise di non rispettare l’esito del voto e organizzò la prima scissione. Il fuoco amico e il fango esterno portarono alla sconfitta del centrosinistra a Genova. Adesso che Lella è stata assolta per la seconda volta e che i media, ovviamente, hanno nascosto la notizia come sempre in questi casi, vorrei condividere tre concetti:

La gogna mediatica fa schifo. Sempre. Occorre che la società civile abbia la forza di prenderne atto e di reagire. Le sofferenze della gogna mediatica sono cicatrici profonde nell’anima delle persone, anche di chi sembra forte. L’Italia deve imparare ad aspettare e rispettare le sentenze, non vivere in uno stato di perenne dittatura del risentimento e della superficialità.
Sono orgoglioso di aver difeso e sostenuto Lella anche quando era difficile farlo. Molti mi chiedono: perché difendi i tuoi amici, collaboratori, compagni di partito quando ci sono indagini o polemiche? Non converrebbe scaricarli? In politica un solo lusso esiste e non sono gli stipendi o le auto blu: sono i rapporti umani. Difendere chi lavora con te quando è vittima di una campagna mediatica d’odio è un dovere morale, civile, politico. Chi scarica i propri amici, scarica se stesso.
I soldi per il Bisagno a Genova li abbiamo messi noi. Con Lella, Claudio Burlando, Erasmo D’Angelis, Gianluca Galletti. Oggi ci sono i cantieri per il Bisagno, per lo scolmatore, per il Fereggiano: ci sono oltre 400 milioni e Genova vede che adesso ci sono pure i cantieri. Se oggi il problema alluvioni a Genova è affrontato, questo è merito del lavoro di un ufficio che si chiamava “Italia Sicura”. Che noi abbiamo realizzato e che il Governo populista ha chiuso nel secondo consiglio dei ministri (qui il mio intervento su questo al Senato nel luglio scorso). Perché poi se fai politica devi risolvere i problemi, non parlarne soltanto. Il problema era il Bisagno, e il problema noi lo abbiamo affrontato; il problema non era Lella, che ha perso le elezioni ma ha mantenuto la dignità: non tutti i suoi avversari interni e esterni possono dire lo stesso.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi