Civitas Europae: e Fontana Liri?

Fermo restando la complessità della vicenda, che andrebbe esaminata da diversi e molteplici aspetti, riportiamo in breve.

Il passaggio del post del Sindaco Renato Rea in merito all’Unione dei Comuni: “Ora la decisione e’ divenuta improcrastinabile perché, oltre alla anticipata restituzione del Fondo di Rotazione, bisogna far fronte ad ulteriori debiti; alcuni certi (tra i quali spicca la Sentenza relativa alla Soc.Fema per l’importo di circa € 300.000), alcuni potenziali (tra i quali spiccano quelli generati dall’Unione dei Comuni “Civitas Europae” che colpiscono il Comune di Arpino per oltre 1.000.000 di euro), per i quali si dovrebbe costituire un fondo rischi eccessivamente oneroso per l’Ente”.

PRECISAZIONI DEL SINDACO GIANPIO SARRACCO:
Come specificato dal Sindaco Renato Rea, i debiti presunti dell’Unione dei Comuni sono potenziali e come tali vanno inseriti in un fondo rischi. Il Comune di Fontana Liri ha ottemperato a questo, stanziando nel bilancio del 2019 un fondo rischi potenziale di 50mila euro. Successivamente, a fronte di una richiesta di uno sforzo supplementare, su invito diretto della Corte dei Conti, il Comune di Fontana Liri ha più che raddoppiato la cifra, arrivando a 130mila euro.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi