Modifiche allo statuto comunale

Nell’ultimo consiglio comunale sono state votate le modifiche allo statuto comunale.

Riportiamo precisamente gli articoli modificati (Art. 10 ed art. 30)

Articolo 10 – Organi – dello Statuto Comunale integrato:
“Sono organi elettivi del Comune: il Consiglio ed il Sindaco. Il Sindaco è eletto dai cittadini a suffragio universale e diretto, secondo le disposizioni dettate dalla legge ed è membro del Consiglio. Può altresì partecipare al Consiglio il Presidente del forum delle contrade senza diritto di voto e con la possibilità di intervenire su espressa autorizzazione del Presidente; lo stesso non gode delle prerogative dei consiglieri comunali e la sua partecipazione non comporta alcuna spesa per l’Ente”

Articolo 30 – Sindaco – dello Statuto Comunale integrato:
“1.Il Sindaco è l’organo responsabile dell’mministrazione del Comune ed è eletto direttamente dai cittadini.
2. Il distintivo del Sindaco è la fascia tricolore con lo stemma della Repubblica e lo stemma del Comune, da portarsi a tracolla.
3. Il Sindaco presta giuramento innanzi al Consiglio comunale, nella prima riunione dopo l’elezione del Presidente del Consiglio comunale, pronunciando la seguente formula: Giuro di osservare lealmente la Costituzione, le leggi della Repubblica e l’Ordinamento del Comune e di agire per il bene di tutti i cittadini. 
4. Il Sindaco:
– rappresenta l’ente;
– nomina i componenti della Giunta tra cui il Vicesindaco;
– convoca e presiede la Giunta;
– convoca e presiede il Consiglio, ove non esistesse il Presidente del Consiglio;
– sovrintende al funzionamento dei servizi, degli uffici e all’esecuzione degli atti.
5. Al Sindaco è vietato ricoprire incarichi e assumere consulenze presso enti ed istituzioni dipendenti o comunque sottoposti al controllo ed alla vigilanza del Comune.
6. In caso di dimissioni, impedimento permanente, rimozione, decadenza, o decesso del Sindaco, la Giunta decade e si procede allo scioglimento del Consiglio.
7. Il Consiglio e la Giunta rimangono in carica sino alla elezione del nuovo Consiglio e del nuovo Sindaco.
8. Sino alle predette elezioni, le funzioni di Sindaco sono svolte dal Vicesindaco.
9. Le dimissioni presentate dal Sindaco diventano efficaci ed irrevocabili trascorso il termine di 20 giorni dalla loro presentazione al Consiglio comunale.

10. Lo scioglimento del Consiglio Comunale determina, in ogni caso, la decadenza del Sindaco nonché della Giunta.
11. “Il Sindaco può inoltre designare con proprio provvedimento altri cittadini, anche consiglieri comunali per l’esercizio delle funzioni di programmazione ed organizzazione dei servizi in determinati settori, con obbligo di rispondere direttamente a sé medesimo per l’approvazione e l’adozione o la proposta dei necessari provvedimenti. I delegati non consiglieri comunali non godono delle prerogative di accesso riservate ai Consiglieri Comunali. Le presenti deleghe non comportano alcuna spesa e devono essere pubblicate all’albo pretorio. I cittadini prescelti devono possedere i requisiti per ricoprire la carica di consigliere comunale.”.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi