Storie dimenticate

Di Alberto Proia. 

STORIE DIMENTICATE
“Anche lei ha diritto di avere una vita sicura e non può essere messa a rischio in un luogo di campagna dove gli uomini tendono ad approfittare di ragazze deboli e disagiate”: è quel che pensava la nonna di Evelina. Evelina era bella e la nonna preoccupata, tutti i giorni la seguiva, la spiava, metteva in fuga i pretendenti, coloro che non mostravano di essere seri con sua nipote e di dargli un futuro certo senza stenti. Una storia ormai vecchia che è stata dimenticata, è avvenuta in un piccolo paese dove tutti si conoscevano e le maldicenze giravano veloci. Evelina aveva perso i genitori, viveva con la nonna e altri due fratellini, i tempi erano quelli più neri, gli anni trenta, quando in casa c’erano solo pane di granturco, uova e latte e non sempre le patate, ci si nutriva di ciò che la scarsa masseria riusciva a dare. Evelina viveva con i suoi sogni, desiderava un vestito nuovo, scarpe nuove per non doversi vergognare; voleva andare a scuola e prendersi la sua libertà. Tutto per lei era impossibile se non badare al suo piccolo gregge e aiutare la nonna in campagna. La nonna era comunque irresistibile, faceva piccoli risparmi e gli comprava tutto ciò che era di stretta necessità, la proteggeva, faceva di tutto affinché la ragazza non trovasse il modo di invaghirsi di giovani senza una lira: tramava per dare alla giovane nipote altre opportunità, altri partiti e magari un giovane di famiglia benestante. Quello che è capitato a Evelina riguarda un’infinità di coppie: matrimoni combinati o fuietine improvvisate. Un bel giorno anche per Evelina arrivò il momento che qualcuno al posto suo aveva scelto il suo uomo del futuro. La nonna aveva combinato un incontro con una persona che sarebbe stata il marito di Evelina. Andò tutto bene, i due sposi vissero felici e la nonna fino a gli ultimi giorni della sua vita, ha continuato a dire che :”tutti hanno diritto di avere una vita sicura, l’amore viene dopo; è sempre meglio pensare prima ad avere una casa e qualche soldo in tasca”.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi