Le storie di Alberto Proia

Dalla bacheca Facebook di Alberto Proia 

C’è una via che Alfredo percorreva da casa al liceo che spesso ci passava anche al ritorno. Era panoramica e piena di arbusti sempre verdi: era la via delle distrazioni, dove sia guardando a destra che a sinistra si notavano contadine a lavorare i campi.
Era un continuo guidare lo sguardo nella campagna dalle ampie distese, dove il profumo del fieno falciato di recente, allargava il respiro; dove il continuo fruscio delle foglie di quercia dava armonia all’aria pulita; dove lui giovane dal cuore ansimante, si immergeva nei sogni ad occhi aperti e nel saluto emozionale delle fanciulle che incontrava lungo il tragitto. Era confuso, gli sembrava che di una di quelle giovani donne ne fosse affascinato: lei aveva sempre il fazzoletto ( fulard ) intesta legato sotto il mento e spesso, in quel periodo, si trovava in mezzo al grano a estirpare le erbe cattive.
Alfredo non sapeva cosa fare, come approcciare quella giovane che sempre era composta e indossava vestiti chiari che mostravano pulizia e candore; non aveva percepito le modalità di un ipotetico contatto che gli desse anche speranze per poterla frequentare, fino a quando un giorno di ritorno dalla scuola, lui vide lei da vicino intenta a sfogliare il libretto delle preghiere. Alfredo si fermò a guardarla e un po’ tremante le disse: anch’io amo leggere e a credere in Gesù. Lei alzò la testa con timore e a quel giovane che vedeva tutti i giorni, gli regalò un sorriso. Ad Alfredo gli si aprì il mondo davanti a sé, non seppe aggiungere altro, ma ormai lui ragazzo timido, capiva che non avrebbe avuto più paura, che gli avrebbe di nuovo parlato e con il cuore gli avrebbe dimostrato ciò che provava per lei.
I due si videro ancora, si sposarono e furono felici, lei, Iolanda, tornò a studiare, tutti e due insegnarono Latino e Greco e a leggere la Bibbia le sere d’inverno vicino al camino. Alfredo e Iolanda oggi vivono ai castelli Romani, hanno avuto figli e nipoti, si sono dedicati al volontariato e a insegnare la dottrina di Cristo, non hanno mai smesso di avere fede in Dio e a svolgere la missione di catechisti.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi