Chiara Ferragni a Sanremo

Dalla pagina Facebook “Lega Salvini e lascialo legato”. 

Neanche il tempo di annunciare Chiara Ferragni come co-presentatrice di Sanremo, che si è scatenata sui social un’ondata di ipocrita indignazione.

C’è chi si indigna perché “danno soldi a una miliardaria” (Come se gli altri superospiti venissero gratis e dormissero alla Caritas)

Chi lamenta che “ci sono notizie più importanti da dare al Tg1” (Benaltrismo da quattro soldi ne abbiamo?)

Chi addirittura fa notare che “non ha le competenze per stare su quel palco” (in effetti, Zlatan Ibrahimovic e Georgina Rodriguez hanno studiato all’Actors studio…)

La verità è che larga parte di questo Paese non le perdona di essere una donna di successo costruito interamente da sola, senza padrini né padroni maschi, non le perdona di metterci la faccia nelle battaglie in cui crede, di non essere la “moglie di…”, di avere delle idee che mezzo Paese omofobo e medievale considera insopportabili, questa è la verità.

A me che Chiara Ferragni salga o meno sul palco dell’Ariston non cambia la vita, e di sicuro neanche a lei.
Ma ha tutta la capacità, il profilo e la dignità per starci e per farlo bene. Esattamente quella che manca a quei poveretti hater da tastiera che vomitano il loro odio sui social.

Lorenzo Tosa

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi