La finanza verde in Europa

Da press@aj-com.net

L’Italia è tra i 12 Green Leader dell’Unione Europea. A metterlo in evidenza è Ener2Crowd.com, la prima ed ancora unica piattaforma in Italia a specializzarsi nel lending crowdfunding ambientale ed energetico.

A partire dal “Green Future Index” sviluppato dal Mit Techonology Review del Massachusetts Institute of Technology, ecco la nuova “Geografia 2022 della Finanza Verde Ue” disegnata da Ener2Crowd.com tenendo conto dell’impegno dei diversi Paesi dell’Unione Europea in 5 ambiti: a) emissioni di CO2; b) transizione energetica verso le fonti rinnovabili: c) edilizia verde, consumi green e riciclo; d) innovazione sostenibile; ed e) politiche per il clima.

Sul podio dell’Unione Europea si classificano: 1) Danimarca con un 66% di virtuosismo medio nei 5 ambiti; 2) Paesi Bassi con il 64%; e 3) Finlandia con il 62% Seguono: 4) Francia al 61%; 5) Germania al 61%; 6) Svezia al 61%; 7) Belgio al 60%; 8) Irlanda al 59%; 9) Spagna al 58%; 10) Polonia al 56%; 11) Italia al 55%; e 12) Portogallo al 55%.

Sotto al 50% si classificano invece : 13) Grecia; 14) Austria; 15) Ungheria; 16) Bulgaria; 17) Repubblica Ceca; 18) Lussemburgo; 19) Slovacchia; 20) Romania; e quindi —non presi in considerazione dal Mit Techonology Review—: 21) Malta; 22) Cipro; 23) Croazia; 24) Estonia; 25) Lettonia; 26) Lituania; e 27) Slovenia.

Ener2Crowd.com insieme al GreenVestingForum.it —il forum della finanza alternativa verde— ha tuttavia potuto osservare che il nostro Paese è leader in Europa in quanto a «produttività d’uso delle risorse».

Vero è infatti che —a parità di potere d’acquisto— per ogni chilo di risorsa consumata, l’Italia genera 3,65 euro di PIL, contro i 2,90 euro della Francia, i 2,50 euro della Germania ed una media Ue di 2,30 euro.

«Insomma il rapporto tra consumo di materia e PIL —la produttività delle risorse— posiziona il nostro Paese al primo posto in Ue. Un risultato che evidenzia l’esistenza di un’economia con un’elevatissima efficienza d’uso delle risorse, elemento chiave della sostenibilità e della transizione ad una economia circolare» spiega Niccolò Sovico, ceo, ideatore e co-fondatore di Ener2Crowd.com.

«Sulla strada del riciclo in Italia c’è ancora molta strada da fare —ad esempio solo il 25% delle pavimentazioni stradali rimosse viene riciclato—tuttavia l’Italia è al primo posto anche in quanto al tasso di utilizzo della “materia seconda” (18%), forse il più puntuale indicatore della «circolarità dell’economia» aggiunge Giorgio Mottironi, cso e co-fondatore di Ener2Crowd.com nonché chief analyst del GreenVestingForum.it.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi