Passi avanti nel caso del Sindaco Pescatore

Le indagini sul caso Vassallo hanno portato a degli indagati. Finalmente, dopo 12 anni, prende forma la verità giudiziaria sull’omicidio di Angelo Vassallo, il sindaco pescatore.

Quanto sta emergendo dall’indagine della procura distrettuale antimafia è ancor più grave di ciò che abbiamo sempre sostenuto.

Angelo non solo è stato ucciso per la sua tenace e instancabile azione di denuncia di ogni illegalità ma oggi scopriamo che i suoi carnefici avrebbero ottenuto la protezione di infedeli servitori dello Stato.

Di fronte a un quadro così inquietante, la comunità dei sindaci italiani pretende verità e giustizia.

I killer, i mandanti e la rete dei loro complici vanno garantiti alla giustizia. Lo dobbiamo alla famiglia di Angelo, alla città di Pollica e a tutti i sindaci italiani che spesso, soprattutto nei piccoli Comuni, affrontano in solitudine situazioni molto pericolose.

Ricordo ancora la forza delle gente di Pollica, che insieme a noi sindaci nel 2019 sfilò tra le vie del paese per chiedere giustizia e verità.
Quel giorno firmammo un manifesto che ci impegnava nella difesa della bellezza e della legalità.

Perché l’assassino di un sindaco, oltre che una ferita profonda ai suoi affetti e alla sua comunità, è una ferita inferta all’intero Paese e ai suoi rappresentanti. Per questo l’ANCI chiederà di costituirsi parte civile nel processo.

Lascia una Risposta








 Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n. 196 del 30/06/2003). Privacy Policy.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi