C’era una volta il laghetto

Dopo aver rinfacciato per anni a vecchi amministratori di aver lasciato in eredità debiti per decenni a venire, il Sindaco Pistilli, oramai al secondo mandato, indebita il comune per migliaia di euro. Stranamente però, questi soldi non serviranno a completare i “monumenti” esistenti, bensì ad iniziarne di nuovi. Sembra infatti che la maggior parte di questi fondi saranno destinati ad un terzo lotto del laghetto. Come dire, ci apprestiamo a costruire l’ennesima cattedrale nel deserto, bella a vedersi ma del tutto inutile a riportare gente a Fontana. Nel frattempo il laghetto langue. Già, il laghetto, fulcro della vita del paese, simbolo e potenziale motore della nostra (piccola) economia. Sono ormai anni che, poverino, è rinchiuso come in castigo, quasi che qualcuno volesse fargli pagare chissà quali colpe. Stringe il cuore vederlo così irraggiungibile, sbarrato com’è, così lontano…pronto per cominciare a deperire prima ancora di essere inaugurato. (Ci risiamo!) Vogliamo ricordare al sindaco, ma sommessamente per carità, che è stato votato per risolvere i problemi del paese. Perciò gli chiediamo di risolvere quello che ci pare il più urgente di tutti: il laghetto. Lo chiediamo noi e lo urlano i nostri bambini, e i ragazzi, e le mamme, e le nonne, e i Fontanesi tutti. Possibile che le sue orecchie, pur sensibilissime, non riescano ad udirli? O forse… Ma no, stia tranquillo il sindaco, qui nessuno pensa che non gliene importa niente!

Flavio Venditti

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi