Grillo e Berlusconi salvano il Porcellum

Il Movimento Cinque Stelle si è astenuto in Commissione Affari Istituzionali bocciando di fatto la proposta di legge elettorale avanzata da PD, Scelta Civica e Sel e salvando il Porcellum. I Cinque Stelle, con il loro voto di astensione, hanno fatto si che la proposta venisse respinta, grazie anche ai voti contrari di PDL, Lega e Gal. Un’alleanza Grillo-Berlusconi a difesa del Porcellum, seppur esplicitata con diverse modalità di votazioni. La senatrice Maria Spilabotte, assieme ai colleghi del gruppo PD, ha sottoscritto il seguente comunicato stampa: “In questi mesi, più volte, siamo stati attaccati da Grillo e dal M5S in merito alla mancata riforma della legge elettorale: ci hanno dipinto come custodi dell’immobilismo, incollati alla poltrona, interessati soltanto a rinviare qualunque decisione in nome di un presunto tornaconto personale. Eppure, ieri, al Senato è stato il Partito Democratico, assieme a Scelta Civica e a SEL a proporre, in commissione, un ordine del giorno volto a discutere una nuova legge elettorale strutturata con doppio turno di coalizione. La proposta non è passata perché il M5S ha, di fatto, votato contro anche se attraverso il “tecnicismo” dell’astensione. Stavolta piacerebbe a noi avere una spiegazione e che Grillo provasse, se ci riesce, a darla anche agli italiani. Il doppio turno è un sistema elettorale che, a differenza di quello attuale (e persino più del Mattarellum) garantisce stabilità e una piena governabilità. È una proposta seria, trasparente ed efficace. Perché non va bene ai grillini? Forse perché, in questo caso l’immobilismo fa più comodo al M5S che a qualunque altro partito: con il Porcellum, infatti, Grillo avrebbe garantiti un numero di parlamentari molto più alto che con l’introduzione di qualunque sistema a doppio turno. E la possibilità di nominare quelli a lui fedeli, senza l’impiccio delle voci critiche che, ci scommettiamo, non troverebbero posto nelle prossime liste. Ormai è sempre più evidente che anche Grillo e Casaleggio si sono affezionati ai vantaggi elettorali del Porcellum. La smettano, però, di riempirsi la bocca di princìpi e di purezze che non appartengono ad un Movimento nato per portare avanti la voce e le istanze dei cittadini ma che, invece, è il più immobile dei partiti italiani. E speriamo che anche questo episodio faccia riscoprire al Partito Democratico l’orgoglio per i suoi parlamentari, rappresentanti (anche nella difficile situazione de Senato) dell’unica forza che, senza raccontare storie o illudere su scorciatoie che non esistono, sta lavorando per la stabilità ed il cambiamento possibile. Smascherando il canto illusorio delle cicale (e dei Grilli) che notoriamente dura lo spazio di una giornata”.

(la foto satirica ci è stata segnalata su internet dal nostro compaesano Roberto Giannetti che ringraziamo)

Una Risposta a “Grillo e Berlusconi salvano il Porcellum”

  1. Emanuele

    Nov 15. 2013

    Forse perchè quello che proponevate era un porcellum al cubo???

    Rispondi a questo commento

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close