Factory 365, la testimonianza di Christian Di Ruzza

gd1Da Christian Di Ruzza, che ha partecipato a Factory 365, riceviamo e pubblichiamo. Gran successo per la prima giornata del Factory365, l’evento organizzato dai Giovani Democratici ad un anno esatto dalle primarie che sancirono Matteo Renzi come nuovo segretario del Partito Democratico. Migliaia di giovani da tutta Italia. L’apertura dei lavori è stata preceduta dal saluto del sindaco di Roma Ignazio Marino che ha rivolto un ringraziamento speciale a tutta l’organizzazione giovanile per il proprio sostegno, rimarcando la rabbia contratta per i fatti sconcertanti che hanno stravolto la capitale in questi ultimi giorni. 60 tavoli per 60 temi, arricchiti dall’esperienza di parlamentari, rappresentanti delle istituzioni, responsabili di partito, ma soprattutto animati da un sano e rigoroso dibattito tra giovani capaci e preparati. Se l’obiettivo era quello di dar vita a una factory (fabbrica) di idee, allora questo è stato certamente raggiunto poichè tante sono state le proposte emerse. Un segnale forte che i giovani del Pd hanno voluto inviare ai loro “vecchi”, mostrando come si possa fare della politica un qualcosa di sano e produttivo partendo semplicemente dal confronto tra tante realtà benchè diverse. Un plauso speciale va al coordinamento nazionale dei GD che in poco più di un mese è riuscito a metter su qualcosa di incredibile e stupendo, sforzo premiato con una partecipazione ben al di sopra delle aspettative a tal punto da dover ridisegnare la distribuzione per tavolo degli iscritti all’iniziativa.

Lascia una Risposta

*

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close